Molestie a Westminster, sospetti su 15 membri governo

Mondo
westminster_getty

Ci sarebbero 40 deputati conservatori coinvolti nello scandalo sui presunti molestatori in un documento compilato da ricercatrici parlamentari. Coinvolto anche un ministro con l'abitudine di "allungare le mani" sulle donne

Sarebbero 40 i deputati conservatori, fra cui anche 15 membri del governo, presenti in un dossier di presunti molestatori a Westminster. Del documento, compilato da alcune ricercatrici parlamentari britanniche, sarebbe venuto a conoscenza oggi il Times. Per ora non vengono fatti nomi, ma sembrerebbe che sia coinvolto anche un ministro di alto rango che avrebbe avuto l'abitudine di "allungare le mani" sulle donne in occasione di party ed eventi sociali. Nella lista - intitolata 'Parlamentari ad alta libido' - ci sarebbero anche quattro deputati laburisti, inclusi due ex ministri ombra. 

May: "Intollerabile"

Lo scandalo era emerso il 29 ottobre, quando il Sunday Times aveva accusato la premier britannica, Theresa May, di aver permesso ad almeno due ministri, definiti "molestatori seriali", di far parte del suo governo. La premier aveva definito "intollerabile" quello che sta succedendo e aveva ribadito la necessità di agire al più presto. Lo ha precisato in una lettera inviata allo Speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, proprio riguardo alle accuse di abusi rivolte a diversi deputati. Secondo il Daily Telegraph, inoltre, May sarebbe anche pronta a cacciare i ministri e i sottosegretari che si pensa siano coinvolti nello scandalo. Tant’è che il Primo ministro nella lettera ha proposto anche una serie di misure per avviare una politica di tolleranza zero.

Le accusa a May e il gruppo Whatsapp

Ma il Sunday Times ha sostenuto anche che May - secondo quanto detto da una serie di suoi collaboratori - fosse al corrente di quanto stava accadendo a Westminster. Il giornale sostiene infatti che la premier sia costantemente aggiornata in apposite riunioni con il suo capogruppo Gavin Williamson su voci di corridoio e accuse sui deputati Tories coinvolti in casi di abusi sessuali e di droga. Esisterebbe anche un gruppo WhatsApp in cui giovani stagiste, portaborse e ricercatrici tentano di difendersi segnalando i politici più pericolosi.

Le rivelazioni: segretaria invitata a fare acquisti in sex shop

Alcuni nomi dei presunti coinvolti, però, sono già emersi. Il tabloid Mail on Sunday ha scritto che il sottosegretario al Commercio internazionale, Mark Garnier, avrebbe inviato la sua segretaria ad acquistare giocattoli sessuali in un sexy shop. Avrebbe anche fatto alcuni apprezzamenti molto volgari su di lei. Oltre a questo, è stato citato anche il caso del deputato Tory Stephen Crabb - 44 anni ed ex ministro del Lavoro e contendente alla leadership del partito - che ha ammesso di aver scambiato messaggi a sfondo sessuale con una 19enne che si era presentata ai Comuni in cerca di lavoro.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24