Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Xi Jinping eletto per altri 5 anni a capo del Partito Comunista Cinese

Il segretario generale ha dichiarato di considerare la rielezione "un incoraggiamento che mi spingerà ad andare avanti" (Getty Images)
2' di lettura

L'attuale segretario è stato confermato per il secondo mandato alla guida del Pcc. Al suo fianco altri sei membri che faranno parte del Politburo, l'organo che di fatto detiene il potere in Cina. Tra questi, però, non c’è il possibile successore

Il leader del Partito comunista cinese dei prossimi cinque anni sarà ancora Xi Jinping. L'attuale segretario generale è stato rieletto dal Comitato centrale del partito per un secondo mandato e farà parte del Politburo insieme ad altri sei membri permanenti. A dare la notizia è stato lo stesso Xi, che ha presentato i nuovi dirigenti politici nel corso di un incontro con la stampa presso la Grande Sala del Popolo, nel centro di Pechino. Il segretario generale ha dichiarato di considerare la rielezione "non solo come un'approvazione del mio lavoro, ma anche come un incoraggiamento che mi spingerà ad andare avanti".

Manca l’erede

Il Politburo è l'organo che di fatto detiene il potere in Cina e con questa elezione è stato confermato nella sua composizione di 7 elementi. Tra gli eletti compaiono diversi alleati del segretario generale ma, a differenza del passato, manca un delfino del leader destinato a succedere tra cinque anni alla guida del partito e quindi dello Stato. Nel nuovo Politburo, infatti, non figurano rappresentanti della cosiddetta "sesta generazione" di politici cinesi di cui fanno parte nomi di spicco come l'attuale capo del partito di Chongqing, Chen Min'er e Hu Chunhua, capo della provincia sud-orientale del Guangdong. Entrambi erano tra i favoriti per rivestire un incarico all'interno dell'ufficio politico del Partito Comunista Cinese. Oltre a Xi, il Politburo sarà composto dal primo ministro Li Keqiang, che è stato riconfermato, e dai nuovi: Li Zhanshu, Wang Yang, Wang Huning, Zhao Leji e Han Zheng, attuale capo del Pcc di Shanghai. Il più giovane dei sette è Zhao Leji, che ha 60 anni, e avrà l’incarico di guidare la potente commissione disciplina.

Xi Jinping come Marx e Mao

L'elezione del sessantaquattrenne Xi è stata una normale conseguenza del suo processo di elevazione al grado di leader supremo del Paese. Durante il 19esimo Congresso del Partito Comunista Cinese gli è infatti stato tributato all'unanimità l'onore di iscrivere il suo pensiero nella costituzione. Un privilegio concesso finora solo a personaggi del calibro di Marx, Mao e Deng Xiaoping. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"