Egitto: 54 agenti morti in operazione anti-terrorismo

Mondo
polizia_egitto_getty

Le forze speciali egiziane si trovavano a Bahariya, nel governatorio di Giza, a sud-est del Cairo

Un'operazione anti-terrorismo condotta dalle forze speciali egiziane a Bahariya, nel governatorio di Giza, a sud-est del Cairo, si è trasformata in una carneficina. Secondo una fonte del ministero dell'Interno che vuole rimanere anonima, sono 54 i poliziotti, di cui 35 ufficiali, uccisi durante l'attacco contro i militanti islamisti. In una comunicato del ministero degli Interni egiziano si precisa che tra le vittime ci sono anche dei terroristi. La morte dei poliziotti è stata rivendicata dal gruppo estremista Hasm che ha dichiarato di averne uccisi 28 e feriti 32.

Escalation di violenza dal 2013

Dalla deposizione del presidente Mohamed Morsi, leader dei Fratelli Musulmani, nel giugno del 2013, gruppi estremisti hanno intensificato i loro attacchi contro militari e polizia, soprattutto nella penisola del Sinai. Centinaia le vittime degli attentati, molti di questi rivendicati proprio da Hasm a partire dal 2016. Nelle sue dichiarazioni il gruppo Hasm non sostiene  però di essere affiliato ai Fratelli Musulmani.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24