Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Catalogna, arrestati due leader indipendentisti

4' di lettura

Detenzione preventiva per Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, leader di ANC e Omnium, accusati di sedizione per le manifestazioni di Barcellona il 20 e il 21 settembre. Puigdemont: "Sono prigionieri politici"

Nuova impennata di tensione nella infinita crisi catalana, con l'arresto deciso questa sera da una giudice spagnola di Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, i popolari leader delle due principali organizzazioni della società civile indipendentista catalana Anc e Omnium. "La Spagna incarcera i leader della società civile della Catalogna per avere organizzato manifestazioni pacifiche. Purtroppo ci sono di nuovo prigionieri politici" ha commentato su Twitter Carles Puigdemont, facendo riferimento all'epoca franchista. Il portavoce del governo catalano Jordi Turull ha denunciato l'arresto come una "vergogna democratica", definendo i due leader fermati "detenuti politici nella Spagna del XXI secolo". "Noi proponiamo il dialogo, ha affermato, loro rispondono con il carcere" - ha aggiunto - "Vogliono la nostra resa, non l'avranno"

Accusati di sedizione per manifestazioni a Barcellona

Sanchez e Cuixart sono accusati di "sedizione" per le manifestazioni pacifiche del 20 e del 21 settembre a Barcellona. Sono stati detenuti su richiesta della procura di Madrid dopo essere stati interrogati dal giudice della Audiencia Nacional Carmen Lamela. Il loro arresto ha reso ancora più elettrico il clima in Catalogna, a tre giorni dallo scadere del secondo ultimatum del premier spagnolo Mariano Rajoy al presidente catalano Carles Puigdemont, che entro giovedì alle 10 deve rettificare, negando di avere dichiarato l'indipendenza. O scatterà l'articolo 155 della costituzione spagnola - mai applicato finora - che permetterà al governo centrale di commissariare di fatto la Catalogna, destituirne il presidente e i suoi ministri, prenderne il controllo delle finanze e della polizia regionali e convocare elezioni anticipate. Cn il rischio di un sollevamento catalano.

Tensione alta tra Barcellona e Madrid

Il 'President' ha risposto questa notte al primo ultimatum del premier Mariano Rajoy che scadeva oggi alle 10, ma non con quel 'si" o 'no' che esigeva Madrid alla domanda se aveva dichiarato o meno la settimana scorsa l'indipendenza della Catalogna. Martedì in parlamento Puigdemont aveva preso atto della vittoria del 'si" al referendum del primo ottobre ma aveva sospeso gli effetti della dichiarazione di indipendenza per consentire una possibile mediazione con Madrid. Nella risposta a Rajoy il 'President' oggi ha glissato sulla questione chiedendo di nuovo un dialogo, una riunione urgente con il premier spagnolo e la fine della repressione. Madrid ha dichiarato "non valida" la risposta. E Rajoy, a sua volta, gli ha scritto confermando l'ultimatum definitivo di giovedì, termine ultimo perché il leader catalano "rettifichi". Secondo Tv3, il 'Govern' a questo punto potrebbe non rispondere. "Puigdemont ha la soluzione in mano" ha insistito la vicepremier spagnola Soraya de Santamaria. Senza un suo passo indietro Rajoy chiederà al senato di Madrid - che il Pp controlla - il via libera alla 'arma atomica' del 155 che dovrebbe scattare per fine ottobre.

Pena prevista per la sedizione finoa 15 anni di carcere

Nel pomeriggio la giudice spagnola Carmen Lamela aveva deciso di lsciare in libertà vigilata Josep Luis Trapero, il capo dei Mossos, chiesto dalla procura, accusato di 'sedizione' per "l'inazione"  della polizia catalana. Il 1 ottobre i Mossos non avevano partecipato alla dura repressione dei civili ai seggi del referendum da parte della polizia spagnola. La magistrata ha però imposto a Trapero il ritiro del passaporto e l'obbligo di firma, ma poco dopo ha avuto la mano molto più pesante con Sanchez e Cuixart, pure indagati per 'sedizione', un reato punito con 8-15 anni di carcere. I 'due Jordi sono accusati di avere organizzato le concentrazioni di protesta di almeno 40mila persone dopo il blitz della Guardia Civil contro gli uffici del governo catalano e l'arresto di 14 alti funzionari. Quando è arrivata la notizia del loro arresto, in molti comuni catalani la gente ha reagito con una grande 'cacerolada', scuotendo pentole e mestoli.

Indipendentisti chiedono fuga in avanti

Nel fronte indipendentista molti chiedono una fuga in avanti. La sinistra della Cup, parte di Erc del vicepresidente Oriol Junqueras e di Anc chiedono una immediata proclamazione della 'Repubblica'. Cup minaccia altrimenti di lasciare il 'Parlament' facendo mancare la maggioranza al Govern. Gli indipendentisti hanno imposto una sospensione della sessione dell'assemblea, rinviata alla settimana prossima, quando potrebbe scattare l'articolo 155. La maggioranza secessionista potrebbe rispondere proclamando la 'Repubblica di Catalogna'.

Data ultima modifica 16 ottobre 2017 ore 22:36

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"