Fondi Lega, Comune e Lfc chiedono danni a contabili

Lombardia
©Ansa

Ha preso il via davanti il processo con rito abbreviato nei confronti dei due revisori contabili della Lega, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, imputati per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano

Con la richiesta di essere parti civili ai fini del risarcimento dei danni avanzata da parte sia di Fondazione Lombardia Film Commission sia del Comune di Milano ha preso il via davanti il processo con rito abbreviato nei confronti dei due revisori contabili della Lega, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, imputati per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano, nel Milanese, con la quale sarebbero stati drenati, per l'accusa, 800mila euro di fondi pubblici. (LA VICENDA FONDI LEGA)

Il processo

I due professionisti, accusati di peculato e altri reati, e difesi dall'avvocato Piermaria Corso, non si sono presentati in aula. Oggi si affronteranno le questioni preliminari e le costituzioni delle parti civili. Il procedimento dovrebbe poi essere rinviato a maggio per gli interventi del procuratore aggiunto Eugenio Fusco e del pm Stefano Civardi. Comune e Lfc sono già parti civili nel processo con rito ordinario nei confronti dell'imprenditore Francesco Barachetti, iniziato la scorsa settimana.

La difesa

La difesa di Di Rubba e Manzoni, nel corso dell'udienza di oggi, ha depositato una memoria per ribadire che il prezzo della compravendita del capannone era congruo. Per la Procura però l'accusa di peculato non riguarda la cifra pagata da Lfc per l'immobile, bensì il fatto che il denaro era stato incassato dai professionisti attraverso un sistema di società che porta anche all'estero. Alla prossima udienza interverranno il procuratore aggiunto Eugenio Fusco e il pm Stefano Civardi che concluderanno la loro discussione con le richieste di condanna. Parleranno poi le parti civili - tra le quali non figura la Regione - per chiedere i danni e la difesa che ribadirà l'innocenza dei due professionisti. Quindi ci sarà un rinvio del procedimento entro la fine di maggio per le repliche e la probabile sentenza. Per il caso hanno già patteggiato il commercialista Michele Scillieri, suo cognato Fabio Barbarossa e il presunto prestanome Luca Sostegni, mentre l'imprenditore Francesco Barachetti è imputato davanti al Tribunale.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.