Covid Milano, in provincia 754 casi: 293 in città

Lombardia
©IPA/Fotogramma

In Lombardia i nuovi contagi sono 2.722 a fronte di 52.293 tamponi, con un tasso di positività al 5,2%, in crescita rispetto al 4,2% di ieri

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Milano

 

 

Sono 754 i nuovi casi di coronavirus registrati oggi nella Città metropolitana di Milano, di cui 293 nel capoluogo. In Lombardia i nuovi contagi sono 2.722 a fronte di 52.293 tamponi, con un tasso di positività al 5,2%, in crescita rispetto al 4,2% di ieri.

"Ci siete, non mollate e fate sentire la vostra voce e anche la nostra in vostro supporto in una situazione difficile", ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, portando la sua solidarietà ai lavoratori del Coordinamento Spettacolo Lombardia che da settimane organizzano attività nel chiostro occupato del Piccolo teatro di via Rovello. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

17:45 - A Milano città 293 nuovi casi

Con 52.293 tamponi effettuati, sono 2.722 i nuovi positivi in Lombardia, con il tasso di positività in crescita al 5,2% (ieri 4.2%). Continua il calo dei ricoverati sia in terapia intensiva (-42, 739) che negli altri reparti (-202, 5.387). I decessi sono 65 per un totale complessivo di 32.059 morti in regione dall'inizio della pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 754 i nuovi casi nella Città metropolitana di Milano, di cui 293 a Milano città, 352 a Brescia, 301 a Varese, 263 a Monza e Brianza, 232 a Bergamo, 194 a Como, 143 a Pavia, 114 a Mantova, 104 a Cremona, 100 a Lecco, 65 a Sondrio e 45 a Lodi.

12:03 - Sala ai lavoratori che occupano Piccolo Teatro: “Non mollate”

"Ci siete, non mollate e fate sentire la vostra voce e anche la nostra in vostro supporto in una situazione difficile". Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha portato la sua solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici del Coordinamento Spettacolo Lombardia che da settimane organizzano attività nel chiostro occupato del Piccolo teatro di via Rovello. Sala, che è anche presidente del teatro alla Sala, è intervenuto online ad un confronto promosso dai lavoratori sul mondo della lirica.

10:24 - Massimo Galli: "Riaprire a maggio possibile se c'è fiducia e vaccini"

Aprire a maggio "si potrebbe fare avendo il vaccino e la fiducia della gente. Siamo stati meno previdenti di altri paesi, ma si può fare. Sarebbe ora di avere anche un po' di carota e non solo di bastone. Se in altri paesi l'hanno fatto o lo stanno facendo con una certa rapidità, vuol dire che si può fare. Ma se mi aprite le scuole adesso, ritarderemo il processo". Lo ha detto ad Agorà, su Rai 3, Massimo Galli, infettivologo dell'Università degli studi di Milano e direttore delle Malattie infettive dell'Ospedale Sacco. "Bisogna avere coerenza e capacità di tenere duro mentre si vaccina molto - ha precisato - e fare come è stato fatto in Gran Bretagna, dove c'è stata una politica di restrizioni forti e si stanno approcciando a una apertura ora, dopo che hanno vaccinato le persone dai 70 anni in su. Questo dovrebbe essere l'obiettivo". 

7:04 - In provincia di Milano 550 casi: 221 in città

Con 50.487 tamponi effettuati, sono 2.153 i nuovi positivi in Lombardia, con il tasso di positività in calo al 4,2% (ieri 5.1%). Continua il calo dei ricoverati sia in terapia intensiva (-6, 781) che negli altri reparti (-138, 5.589). I decessi sono 85 per un totale complessivo di 31.994 morti in Lombardia dall'inizio della pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 550 i nuovi casi nella Città metropolitana di Milano, di cui 221 a Milano città, 367 a Brescia, 212 a Varese, 173 a Bergamo, 148 a Monza e Brianza, 146 a Como, 125 a Mantova, 108 a Pavia, 89 a Cremona, 79 a Lecco, 57 a Sondrio e 48 a Lodi. 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.