Varese, si uccide con il gas insieme alla figlia disabile

Lombardia
©Ansa

L'uomo, che a quanto si apprende era gravemente malato, ha lasciato un messaggio di addio alla moglie, anche lei malata grave e costretta a letto. A trovare i due cadaveri nell'auto è stata la nipote

Tragedia in provincia di Varese. Un uomo di 74 anni si è ucciso con la figlia di 31 anni, disabile al 100%, con i gas di scarico della sua auto, parcheggiata nella loro casa di campagna a Saltrio. L'uomo, che a quanto si apprende era gravemente malato, ha lasciato un messaggio di addio alla moglie, anche lei malata grave e costretta a letto. A trovare i due cadaveri nell'auto è stata la nipote: la giovane è andata a cercarli su richiesta della zia, preoccupata per non aver sentito rientrare a casa marito e figlia. 

La tragedia 

Secondo i primi accertamenti, l'uomo non accettava l'idea di morire, abbandonando così la figlia cieca dalla nascita. Così, con la scusa di accompagnarla a un concerto di musica classica, grande passione della 31enne, l'ha portata nella casa di campagna. Poi l'ha stordita con del Valium, che ha assunto a sua volta, e si è chiuso con la figlia nel garage della casa di campagna, attendendo la morte con un cd di musica classica inserito nella radio dell'auto.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24