Coronavirus Lombardia, l'aeroporto di Linate riaprirà il 13 luglio

Lombardia
©Getty

Era chiuso dal 16 marzo. L'Enac ha inviato una lettera alla Sea, società che gestisce gli scali milanesi. La struttura avrà un'operatività di 5 voli in arrivo e 5 in partenza ogni ora

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Lombardia

 

È ufficiale: l'aeroporto milanese di Linate riaprirà il 13 luglio. L'Enac ha infatti inviato una lettera alla Sea, società che gestisce gli scali milanesi, confermando la data di riapertura dello scalo chiuso dal 16 marzo. L'aeroporto avrà un'operatività di 5 voli in arrivo e 5 in partenza ogni ora. 
Nel frattempo, una "particolare criticità alla gestione dell'emergenza è stata apportata dal marcato assenteismo del personale di assistenza": lo ha sottolinato la Commissione d'inchiesta dell'Ats Milano nella relazione su quanto avvenuto al Pio Albergo Trivulzio. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

17:44 - Bergamo, terapia intensiva Papa Giovanni XIII è Covid free

Ieri l'ultimo paziente ha ricevuto il tampone negativo e così la terapia intensiva dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo è diventata Covid free. "Era l'obiettivo che avevamo fin dalla partenza di questa terribile gara in salita, lo abbiamo sognato e abbiamo lavorato per tanto tempo per raggiungerlo", ha spiegato oggi Luca Lorini, che di quel reparto è il direttore e ora può dire che "ce l'abbiamo fatta". "E un grande risultato - spiega - che però non ci deve solo far festeggiare. Ieri ho chiesto al mio team di fare un minuto silenzio per ricordare i pazienti che non ce l'hanno fatta e quanto difficile è stato questo periodo. Poi ci siamo fatti un grande applauso perché ce lo siamo meritati". Lorini ha spiegato che "nonostante tutte le polemiche che continuano a essere fatte attorno alla gestione di questo tsunami, con le poche informazioni che avevamo difficilmente si poteva fare molto meglio. Nella prima fase - prosegue - il numero di morti e feriti sembrava incredibile e ci ha fatto dubitare delle nostre capacità". Per il futuro, "dico a tutti che, se ci siamo mostrati bravi con le poche informazioni e il poco materiale che avevamo, la prossima volta non dobbiamo essere impreparati: dobbiamo preparare un futuro che nessuno scienziato può prevedere, ma noi dobbiamo essere pronti per un altro ritorno del covid".

17:24 - In Lombardia 119 nuovi contagi e altri 5 decessi

Sono 119 i nuovi contagiati in Lombardia, di cui 33 a seguito di test sierologici e 34 'debolmente positivi', con 11.812 tamponi effettuati. I decessi sono 5 per un totale di 16.730 morti in regione dall'inizio della pandemia. Calano sia i ricoverati in terapia intensiva (-3, 31 in totale) che negli altri reparti (-10, 201 in totale). Dei 119 i nuovi contagiati, 35 sono a Milano, di cui 15 a Milano città, 28 a Bergamo, 15 a Mantova e 14 a Brescia. Non ci sono nuovi casi a Lodi, la provincia dove si è sviluppato il coronavirus in Italia, un solo positivo a Sondrio, Lecco e Como.

16:30 - Conte su lockdown Bergamo: "Non ho avuto richieste da Confindustria"

"Non ho avuto richieste dalla Confindustria" relative al lockdown a Bergamo: "l'ho letto sui giornali, non è una cosa che mi riguarda, le valutazioni sono state fatte senza ascoltare Confindustria, assolutamente no". Così risponde il premier Giuseppe Conte a una domanda del canale d'informazione spagnolo Nius, nel corso di un'intervista. "Non mi preoccupo" dell'inchiesta di Bergamo sul lockdown "perché appena c'è stata l'eventualità di riferire mi sono subito reso disponibile. Un presidente del Consiglio deve rispondere alla propria coscienza, essere sereno, e rispondere all'opinione pubblica e anche ai pubblici ministeri. Non credo di essere infallibile, non credo di prendere sempre la decisione giusta nel momento giusto ma anche per inclinazione caratteriale cerco sempre di valutare tutte le implicazioni. Non prendo mai decisioni senza ponderazione: è difficile dire, oddio abbiamo sbagliato. Qualche volta può accadere col sennò del poi ma in genere le decisioni sono molto ponderate e non ha senso tornare indietro perché non c'è motivo".

16:08 - Milano, Sala: "Capitalizzare il momento, se necessario chiuderemo"

"Io invito spesso a cercare di riprendere la vita nel modo il più normale possibile perché adesso si può e non sappiamo come sarà più avanti. Se sarà il caso di richiudere si richiuderà ma se oggi non usciamo da una situazione che ci blocca diventa tutto più difficile, questa è una finestra che bisogna capitalizzare". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel corso della diretta Facebook con i Giovani Democratici del Pd di Milano, parlando della fase di graduale ritorno alla vita normale dopo l'epidemia. "Non sappiamo se e come ritornerà la pandemia. Il mio punto di vista è che c'è una finestra, una situazione sufficientemente positiva, con una carica virale molto bassa e su questo concordano tutti i virologi - ha aggiunto -. Durante l'emergenza abbiamo fatto quello che si doveva, poteva andare peggio, contiamo le vittime ma ora cerchiamo di vivere sapendo che la pandemia ci obbliga a una flessibilità e se dovremo irrigidire la situazione lo faremo".

15:38 - L'aeroporto di Linate riapre il 13 luglio

E' ufficiale: l'aeroporto milanese di Linate riaprirà il 13 luglio. L'Enac ha infatti inviato una lettera alla Sea, società che gestisce gli scali milanesi, confermando la data di riapertura dello scalo chiuso dal 16 marzo. L'aeroporto avrà un'operatività di 5 voli in arrivo e 5 in partenza ogni ora.

11:43 - Commissione d'inchiesta: "Al Trivulzio straordinario assenteismo del personale"

"L'assenteismo lavorativo mostra livelli piuttosto elevati già in condizioni ordinarie nelle varie strutture del PAT ma ha raggiunto livelli straordinari durante l'emergenza: in alcuni reparti e per alcune figure le assenze hanno interessato il 65% della forza lavoro": è quanto si legge nella relazione della Commissione d'inchiesta dell'Ats di Milano su quanto successo al Pio Albergo Trivulzio durante la pandemia, presentata oggi nel corso di una conferenza stampa e anticipata dal Corriere della Sera. La Commissione sottolinea che "particolare criticità alla gestione dell'emergenza è stata apportata dal marcato assenteismo del personale di assistenza che ha assunto dimensioni molto superiori all'atteso" e che "un livello così elevato di assenze dal lavoro difficilmente trova spiegazione nella diffusione del contagio tra gli operatori come rivelano gli indici di infortunio specifico segnalati dalla struttura".

11:43 - Milano AutoClassica, rassegna confermata e anticipata al 25 settembre

L'appuntamento con la decima edizione di Milano AutoClassica, il Salone dell'Auto Classica e Sportiva dedicato agli appassionati di motori e collezionisti di auto alla Fiera di Milano a Rho è non solo confermato, ma addirittura anticipato di due mesi al 25, 26 e 27 Settembre 2020. Secondo gli organizzatori, si tratta "di una scelta lungimirante dettata dal desiderio di certezza, dalla responsabilità verso il settore e dall'impegno di svolgere un appuntamento tanto importante, atteso ed amato in totale sicurezza. Il quartiere Fiera Milano a Rho è infatti uno dei poli fieristici più belli, ampi ed attrezzati del mondo, tecnologicamente all'avanguardia, in grado di assicurare altissimi standard in fatto di sicurezza". La manifestazione - che secondo tradizione proporrà un'attenta selezione quantitativa e qualitativa di auto classiche sportive - si svolgerà quindi rispettando la tabella di marcia imposta dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e l'applicazione di tutti i protocolli: misure di controllo e prevenzione, ingresso ai padiglioni nel rispetto dell'opportuno distanziamento fisico, monitoraggio della capienza consentita negli spazi comuni. Milano AutoClassica proporrà una grande esposizione di auto per tutti i gusti e di tutte le epoche, dalle classiche più iconiche alle Youngtimer più ricercate, fino ai pezzi unici che faranno la storia di domani proposte in vendita dai più importanti operatori del settore, mentre cresce anche il numero dei privati che propongono modelli accuratamente selezionati.

7:18 - In Lombardia 71 nuovi casi e 12 decessi

Crescono di nuovi i contagi in Lombardia: sono infatti 71 (l'altro ieri 53) i nuovi casi di Coronavirus accertati in regione. Di questi, 24 sono stati rilevati a seguito di test sierologici, mentre 23 sono risultati debolmente positivi. Sono invece 12 i decessi registrati nell’ultimo giorno, per un totale di 16.725 vittime da inizio emergenza. Calano i ricoverati in terapia intensiva, giunti a 34, due in meno rispetto a martedì, così come diminuiscono anche i pazienti ricoverati negli altri reparti, 211 (-18). I tamponi eseguiti nell’ultimo giorno sono 10.675. Infine, sono 673 le nuove guarigioni, per un totale di 69.466.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24