Bus incendiato a Milano, la perizia: “Sy consapevole del gesto”

Lombardia
©Fotogramma

Secondo gli esperti incaricati dalla Corte d’Assise del capoluogo lombardo, l’uomo non è affetto “da alcun disturbo psichiatrico inquadrabile in una diagnosi codificata”. Le prossime udienze del processo sono state fissate per l’8 e il 13 luglio, giorno in cui potrebbe arrivare la sentenza

Osseynou Sy (CHI È), 47enne di origini senegalesi che nel marzo 2019 ha sequestrato, dirottato e dato fuoco a un bus con a bordo 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella di Crema (LA VICENDALE FOTOIL VIDEO) ed è accusato di strage, sequestro di persona e incendio, non è affetto da "vizio di mente per infermità". Lo scrivono gli psichiatri Renato Ariatti e Franco Martelli nella perizia che era stata richiesta dalla Corte d'Assise di Milano per accertare la sua "capacità di intendere e di volere al momento del fatto" e che è stata da poco depositata.

La perizia

approfondimento

Milano, un anno fa il dirottamento dello scuolabus sulla Paullese

Secondo i periti, Sy non è affetto "da alcun disturbo psichiatrico inquadrabile in una diagnosi codificata" e "non è stato possibile derivare l'esistenza, all'epoca dei fatti, di uno scompenso di natura psicopatologica avente correlazione causale con le condotte antigiuridiche, di cui ai capi di imputazione, tale da potersi configurare vizio di mente per infermità̀".

“Un’azione che porta avanti in maniera consapevole”

Nella relazione si legge anche che l'uomo ha messo "in atto un'azione di cui ben si rappresenta il significato e che porta avanti in maniera del tutto consapevole". E ancora: "francamente si fatica a vedere una infermità di mente alla base della dinamica e della genesi del fatto. Non vi è alcuna rottura con il contesto reale, che ponga l'uomo in una situazione tale da impedirgli condotte alternative e più adeguate sul piano delle convenzioni sociali e del rispetto della legge".

Sentenza attesa il 13 luglio

Parte civile nel processo sono le famiglie dei 51 alunni a bordo del mezzo (di cui alcuni assistiti dall'avvocato Antonio Ennio Andronico), il Comune di Crema e, per il solo reato di incendio, la società proprietaria del mezzo. Le prossime udienze sono state fissate per l'8 e il 13 luglio, giorno in cui potrebbe arrivare la sentenza.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24