Truffa nel Pavese, finto sacerdote vende oro falso a fedeli: 2 arresti

Lombardia

I carabinieri hanno catturato un 36enne e un 57enne fuori dalla chiesa di Mortara, dove cercavano di rifilare pepite alle persone. I soggetti sono accusati di detenzione di banconote contraffatte, usurpazione di titoli, ricettazione e porto di oggetti atti a offendere 

Un 36enne e un 57enne sono stati arrestati mercoledì 5 febbraio dai carabinieri di Garbagnate Milanese (in provincia di Milano) per una truffa che i due stavano mettendo in atto a Mortara (in provincia di Pavia), nei pressi di una chiesa. Grazie a un travestimento da sacerdote, i malviventi cercavano di vendere finte pepite d'oro ai fedeli. La coppia è accusata di detenzione di banconote contraffatte, usurpazione di titoli, ricettazione e porto di oggetti atti a offendere.

L’arresto

I carabinieri hanno sorpreso i due uomini all'interno di un grosso suv con 5.200 euro in banconote da 50 euro false, 2 chili di pepite in oro (risultato poi ottone), 17 grammi di pepite in oro vero, un bilancino di precisione, 2 biglietti su cui era scritto un copione da seguire per raggirare le vittime, 3 smartphone e un bastone estendibile. Il 57enne, in particolare, utilizzava un abito da prelato per essere più convincente. L’uomo proponeva alle persone l'acquisto di pepite d'oro, dicendo che erano state donate alla chiesa.  

Milano: I più letti