Nuovo stadio San Siro, vertice Comune-club: ok a parziale mantenimento Meazza

Lombardia

Nei progetti di Milan e Inter è emersa la volontà di mantenere, accanto al nuovo stadio, una parte del vecchio impianto, che però non ospiterà più partite di calcio ma solo attività sportive non professionistiche

Milan e Inter hanno incontrato, a Palazzo Marino, il Comune di Milano in merito alla realizzazione di un nuovo stadio San Siro. I due club hanno consegnato i progetti del nuovo impianto, degli studi di architettura Manica Cmr e Populous, corretti per comprendere una proposta di rifunzionalizzazione dello stadio Meazza. Nei progetti è emersa la volontà di mantenere, accanto al nuovo stadio, una parte di San Siro, che però non ospiterà più partite di calcio ma solo attività sportive non professionistiche.

Nuovi progetti

L'attuale impianto, quindi, non dovrebbe essere abbattuto totalmente, come da richiesta del Comune. Da quanto si apprende, San Siro sarà destinato alla pratica di diversi sport a livello amatoriale: potrebbe nascere uno sorta di "sport district" aperto a tutti e gratuito. Una soluzione che tiene conto di quanto chiesto dal Comune per mantenere una parte della memoria storica e del valore dello stadio di San Siro.

La nota delle società: "Il Meazza sarà rifunzionalizzato"

In seguito alle indicazioni del Comune emerse negli ultimi vertici, i club hanno previsto una "rifunzionalizzazione del Meazza, destinandolo prevalentemente a funzioni sportive di base e a funzioni di intrattenimento per far vivere il distretto di San Siro 365 giorni all'anno, in ottica di servizio e beneficio per la cittadinanza", si legge in una nota delle società. L'idea è una sorta di compromesso rispetto ai primi progetti dei club, con il Meazza che manterrà almeno una parte dell'impianto attuale. "I club proseguiranno nell'approfondimento tecnico ed economico delle ipotesi progettuali presentate - concludono Inter e Milan -, sempre in coerenza con le linee guida indicate dal Comune".

Milano: I più letti