Maltempo, il Po cala lentamente: resta l'allerta nel Cremonese

Lombardia
Foto di Archivio (ANSA)

La situazione si evolve meno rapidamente di quanto ci si augurasse perché piove di nuovo sul territorio e a monte. L'altro allarme riguarda gli animali selvatici in fuga dalle golene invase

Poco alla volta cala il livello del Po, che a Cremona ha toccato il suo colmo di piena ieri, a mezzogiorno, a quattro metri e 40 centimetri sopra lo zero idrometrico. Scende al ritmo di soli tre centimetri all'ora all'idrometro cittadino e il suo livello sta diminuendo anche a Casalmaggiore. Al momento della massima portata, transitata fra l'alba e le sei e mezza di questa mattina, ha sfiorato il tetto dei sette metri sopra lo zero, fermandosi a sei metri e 98 centimetri. In generale, è ancora presto per iniziare la conta dei danni per via delle golene ancora tutte invase e società canottieri, abitazioni, ristoranti e aziende agricole sott'acqua.

Resta l'allerta

Resta l'allerta perché il calo è meno rapido di quanto ci si augurasse e perché piove di nuovo sul territorio e a monte. L'altro allarme che sale è quello per gli animali selvatici in fuga dalle golene invase: scappano cinghiali, caprioli e volpi. E scappando attraversano strade a massima percorrenza, con il rischio di incidenti elevato e con l'appello alla prudenza rilanciato da enti e privati.

Ondata di piena anche nel Mantovano

È' attesa per il tardo pomeriggio l'ondata di piena del Po nel Mantovano. Secondo i dati dell'Aipo, il fiume, all'idrometro di Borgoforte, dovrebbe raggiungere gli 8 metri e 70 centimetri. Lungo il corso d'acqua è massima allerta, con gli argini costantemente sotto monitoraggio da parte dei volontari della protezione civile dei vari Comuni e dei tecnici dell'Agenzia interregionale per il Po.
Per ora restano ancora chiusi i ponti di San Benedetto Po, Viadana e Dosolo, mentre restano aperti quelli di Borgoforte, Ostiglia e quello autostradale lungo la A22. Il numero delle persone evacuate dalle golene resta di 73. Sotto osservazione anche i fiume Oglio e Secchia. Lungo l'Oglio restano chiusi i ponti di Torre d'Oglio e di Acquanegra. La piena della Secchia (tutti i ponti nel Mantovano sono transitabili) è passata la notte scorsa allagando le golene nel Comune di Quistello dove il fiume sfocia nel Po. L'allerta resta alta dato che il livello dell'acqua resta molto alto e sono previste copiose piogge su tutto il basso Mantovano.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24