Patenti facili, ogni candidato fruttava tremila euro: 20 denunciati

Lombardia
Foto di archivio

Le persone coinvolte si occupavano di tutto il procedimento, a partire dai certificati medici fino alla fornitura di sofisticati kit composti di microtelecamere e ricetrasmittenti con auricolari, per poter fare l'esame a distanza sostituendosi all'esaminato

Venti persone sono state denunciate con l'accusa di far parte di un’associazione per delinquere che tra Varese, Verona, Vicenza, Modena, Bologna si occupava di far ottenere in modo fraudolento patenti di guida. In alcune intercettazioni gli indagati si vantavano di poter gestire fino a quattro candidati a sessione, con un guadagno tra i duemila e i tremila euro per ciascuna patente.

Le intercettazioni

Le indagini sono state compiute dalla polizia stradale di Verona e Rimini. Secondo le accuse, l'organizzazione si occupava di tutto il procedimento necessario per far ottenere la patente al candidato, a partire da certificati medici rilasciati da un medico, che è tra gli indagati, fino alla fornitura di sofisticati kit composti di microtelecamere e ricetrasmittenti con auricolari praticamente invisibili, per poter fare l'esame a distanza sostituendosi all'esaminato.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24