Valfurva, strada chiusa per rischio frana: esercenti minacciano causa

Lombardia

"Sia negli anni precedenti sia nel corso degli ultimi 40 giorni, dalla frana del Ruinon non è mai precipitato a valle alcun sasso e neppure detriti di alcun genere", sottolinea il legale Ezio Trabucchi 

La strada che da Bormio, in Valtellina, conduce a Santa Caterina Valfurva (Sondrio) è chiusa per rischio frana del Ruinon dal 22 giugno, e ora, dopo settimane di interruzione dell’importante arteria senza che si siano verificati smottamenti, numerosi operatori del territorio minacciano di intraprendere iniziative giudiziarie per il grave danno economico apportato, in piena stagione estiva, alle loro attività.

Le parole del legale

"I miei assistiti - spiega l'avvocato Ezio Trabucchi - mi hanno conferito mandato per svolgere gli opportuni approfondimenti e, nel caso, valutare ogni iniziativa in merito alla fondatezza e legittimità di tutti i provvedimenti adottati dalle autorità competenti riguardo la chiusura o limitazione del transito della strada provinciale n.29 nel tratto Sant'Antonio-Santa Caterina Valfurva a partire dal 22 giugno". "Ciò che lascia fortemente e francamente perplessi - aggiunge il legale valtellinese - è che, sia negli anni precedenti sia nel corso degli ultimi 40 giorni, dalla frana del Ruinon non è mai precipitato a valle, interessando la strada interessata alle chiusure, alcun sasso e neppure detriti di alcun genere". L’avvocato invita i pubblici amministratori a trovare al più presto "un punto di equilibrio tra la doverosa tutela della pubblica incolumità e la tutela, altrettanto doverosa e istituzionale, dell'economia e del benessere di una comunità e del suo territorio".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24