Lavoro in nero nel Mantovano, scoperti 2 laboratori tessili: 3 arresti

Lombardia
Foto di Archivio
caserma_carabinieri_fotogramma

I lavoratori vivevano ammassati e dormivano in una sorta di prigione. C’erano anche 4 cinesi clandestini, per le quali sono state avviate le procedure di espulsione 

In 2 laboratori tessili di Roverbella, nel Mantovano, sono state arrestate 3 persone, accusati di costituire una sorta di prigione per i lavoratori che in quel luogo vivevano ammassati e dormivano. Nel primo sono stati identificati 12 lavoratori cinesi, 10 in regola e 2 clandestini, per i quali sono state avviate le procedure d’espulsione. Arrestati un 56enne e un 43enne. Così come, nel secondo laboratorio, nel quale sono stati identificati altri 11 lavoratori (9 in regola e 2 clandestini) è stato arrestato il titolare, un 31enne cinese. Identificati in questo caso undici lavoratori: 9 in regola e 2 clandestini. Le indagini hanno fatto emergere una “struttura criminale”.

Sono stati sequestrati immobili, macchinari e merce per un valore di 500mila euro. Negli ultimi 2 anni sono stati sequestrati, inoltre, 77 laboratori tessili, eseguiti 41 i provvedimenti di sospensione denunciate 28 persone e altrettante quelle arrestate.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.