Monopattini elettrici a Milano: quali sono i servizi di sharing e come funzionano

Lifestyle

Dopo qualche incomprensione iniziale, a Milano i monopattini in sharing possono finalmente circolare, a patto che restino nelle Zone 30, cioè con limite a 30 chilometri orari, e nelle aree pedonali, a meno che non sia espressamente vietato

La rivoluzione della mobilità urbana tramite i monopattini elettrici ha portato anche nuove regole, a cui doversi attenere, specie dopo un periodo iniziale di grande confusione nella gestione di questi nuovi strumenti. Per poter girare per la città con i monopattini in sharing le regole previste dal DL Milleproroghe che ne ha stabilito limitazioni e sanzioni, valide dal 1 marzo 2020:

  • Tutti i monopattini elettrici devono avere una potenza massima istantanea di 0.50 KW;

  • Il limite di età minimo è di 14 anni per la guida dei monopattini elettrici;

  • Se minorenni, i conducenti hanno l’obbligo di utilizzare il casco protettivo;

  • La circolazione dei veicoli è consentita nelle aree pedonali, strade urbane con limite di 50 km/h e su strade extraurbane, purché in queste ultime sia presente già una pista ciclabile;

  • Il limite di velocità per i monopattini rimane a 25 Km/h, che scende fino a 6 km/h nelle aree pedonali;

  • È proibito trasportare sul monopattino altre persone, oggetti o animali;

  • Obbligo di tenere entrambe le mani salde sul manubrio durante la guida, salvo quando viene segnalato il cambio di direzione di marcia;

  • Obbligo di indossare giubbotti riflettenti durante la circolazione notturna;

  • Obbligo di procedere in fila indiana in caso di circolazione di gruppo;

  • Obbligo di sistema di illuminazione anteriore e posteriore sul mezzo.

Sanzioni

Il monopattino noleggiato rientra nella piena responsabilità del conducente in prima persona, e se non vengono rispettate le regole, o se il veicolo non è omologato, si incorre in sanzioni che vanno dai 50 ai 200 euro, ma che possono salire fino a 800 euro con confisca e distruzione del veicolo in caso, per esempio, di circolazione con monopattini non omologati.

Funzione come il car sharing

Come il car sharing, anche i servizi di monopattini in sharing, funzionano nello stesso modo: si scarica l'app, che sarà possibile utilizzare dopo la registrazione al servizio di ogni operatore. I costi sono praticamente identici tra i vari fornitori di servizi per cui usufruire di un servizio rispetto a un altro dipende solamente da tre fattori: copertura della zona servita, facilità d’utilizzo dell’app e quantità di monopattini elettrici disponibili nella flotta. Una volta terminato l’uso del veicolo, lo si può parcheggiare a Milano in uno dei 32.000 stalli per la sosta delle biciclette, disponibili in tutta la città. Il geofencing permette ai monopattini elettrici di operare solo nella zona che vedete evidenziata all’interno di ciascuna app e quindi se il parcheggio o il fine noleggio risulta dalla mappa in un'area non servita dall'operatore scelto, quest'ultimo dovrà recuperare il mezzo. In questo caso, è a carico di colui che ha usufruito del noleggio la spesa di recuperò che viene accreditata direttamente sul metodo di pagamento fornito. Il servizio di sharing non ha limiti di tempo, infatti, è attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Noleggiare un monopattino a Milano

Non è per niente complicato ed è molto simile a come si fa nel resto d’Italia o d’Europa. Si possono scegliere gli operatori tramite app, disponibile per Android e iOS, a cui ci si può iscrivere fornendo i propri dati personali. Dall'app verrà chiesto di inserire i dati della carta di credito o del conto PayPal che si vuole utilizzare per il noleggio del monopattino. Una volta terminata l'iscrizione, sull'app verrà visualizzata una mappa interattiva con la copertura del servizio e i monopattini disponibili nelle zona scelta. A differenza del car sharing, spesso non è possibile prenotare la corsa in anticipo ma bisogna raggiungere fisicamente il monopattino, scansionare il QR code o il codice seriale presente sullo stesso e seguire le istruzioni per attivare il noleggio del veicolo. Una volta terminato il viaggio, basterà chiudere il noleggio tramite app e parcheggiare il monopattino elettrico in uno degli stalli per bici, o in mancanza, a lato strada, tranne dove sia espressamente vietato.

Quanto costa

I prezzi sono pressoché identici per tutti i servizi di monopattini elettrici a noleggio. Il prezzo per lo sblocco del monopattino è di 1 €, mentre per ogni minuto di utilizzo la cifra è di 15 centesimi di euro. Non sono previsti costi per il parcheggio di questi veicoli, ma diversi operatori offrono pacchetti in abbonamento, che variano da fornitore a a fornitore. C'è quindi la possibilità di pagare una somma in anticipo per poter usufruire del servizio per un certo numero di chilometro, corse o minuti del servizio a noleggio. Il costo dello sblocco e del noleggio di monopattini sharing risulta più oneroso del costo del noleggio previsto per le biciclette, anche quelle a pedalata assistita.

Monopattino sharing Milano a confronto

Il 16 maggio scorso, il Comune di Milano ha emesso un comunicato dove annuncia l'ingresso di nuovi operatori nell'offerta meneghina di monopattini a noleggio nelle prossime settimane. La previsione è di altri 3500 monopattini in giro per la città. “Le società che potranno fornire servizio di sharing di monopattini sono EM Transit, Ride Hive Operations, LMTS Italy, Govolt e Bird Rides Italy e si aggiungono alle aziende già presenti sul territorio da alcuni mesi, Wind Mobility, Bit Mobility e Helbiz Italia. Le aziende selezionate dovranno ora ultimare le formalità e l'iter di autorizzazione e non appena pronte potranno avviare la loro attività di sharing nel rispetto delle regole che erano già state definite dall'Amministrazione alla pubblicazione del bando e che riguardano sia le caratteristiche dei mezzi sia le modalità di utilizzo in strada dei monopattini elettrici” si legge sul sito del Comune.

 

I Monopattini a Milano

Helbiz

Fondata da Salvatore Palella nel 2017, la società con sede a New York ha puntato tutto sulla micro-mobilità metropolitana. È presente a Milano con due tipologie di veicoli: sia monopattini elettrici che bici a pedalata assistita. La flotta di monopattini elettrici di Helbiz è composta da 750 monopattini: tutti i veicoli sono dotati di luci, numero identificativo e limitatore di velocità. Sono omologati nel rispetto della normativa vigente. Il costo per lo sblocco del monopattino è di 1 €, e di 15 centesimi per ogni minuto di utilizzo.La copertura Helbiz a Milano è la più ampia, per il momento. Abbonamenti: Helbiz Unlimited propone un tariffa mensile a 29,99 euro per un uso illimitato che vale in tutto il mondo e può essere convertita anche per le bici. Se si ricarica con il sistema Helbizcash si ottiene il 10% di credito in più.

 

Bit Mobility

Azienda di Verona specializzata nei servizi di mobilità, è una delle tre aziende vincitrici della prima gara appalto del comune di Milano. Anche Bit Mobility mette a disposzione 750 monopattini elettrici per chiunque ne abbia bisogno. La società garantisce il rispetto delle norme disposte dal comune di Milano e della normativa vigente. Il servizio di Bit Mobility costa 1 € per lo sblocco del veicolo, 15 centesimi al minuto in viaggio e 5 centesimi al minuto con la tariffa in pausa. La copertura Bit Mobility a Milano è un po' più limitata rispetto a quella di Helbiz. Dall'app si può visualizzare sia i monopattini elettrici disponibili, sia gli eventuali luoghi per la sosta. La mappa è più completa e la legenda più comprensibile, sono il punto di forza dell'app di Bit Mobility.

 

Wind Mobility

Come le sue competitor, anche Wind Mobility ha messo in campo 750 monopattini elettrici, portando il totale a 2250, equamente ripartiti tra i tre gestori. I monopattini sono dotati di luci, numero identificativo e limitatore di velocità, anche loro sono omologati nel rispetto della normativa vigente. L’area di copertura Wind Mobility a Milano è di più difficile comprensione, il sito scarno, presenta informazioni non troppo utili per avviare il noleggio, a parte la descrizione sul come noleggiare un monopattino. Non è possibile sapere in anticipo il costo tramite app o sito web, su internet si scopre essere di 1 € per lo sblocco del monopattino e di 15 centesimi al minuto come tariffa di viaggio, così come i competitor.

 

Hive

Nuovo operatore concesso dal comune di Milano dal 16 maggio scorso, al momento a causa del coronavirus ha sospeso il servizio.

 

Dott

Dott è una start-up europea, fondata da Maxim Romain e Henri Moissinac che opera nel settore della micromobilità attraverso, a detta loro, il team più esperto in mobilità e tecnologia in Europa. Come gli altri operatori si utilizza tramite app scaricabile da mobile e le tariffe sono uguali a quelle che la società fa pagare anche a Torino, Parigi e Lione: 1€ lo sblocco e 0,15 cent al minuto. Sito e app sono molto chiari per risolvere qualsiasi dubbio.

 

Govolt

Azienda che inserisce nella sua mission la totale trasparenza, offre assistenza 24/7. A Milano offre il servizio sia per i monopattini elettrici, sie per lo scooter elettrico. Le tariffe per i monopattini sono conformi a quelle della concorrenza, quindi 1€ allo sblocco e 0,15cent al minuto. Dall'app si può visualizza sulla mappa l'area operativa del veicolo scelto per vedere dove lo si può parcheggiare. I veicolo si sblocca con il Qrcode. Tutti i veicoli sono dotati di luci, numero identificativo, doppio freno e limitatore di velocità. Sono omologati nel rispetto della normativa vigente.

 

Bird

Bird, presente in più di 120 città nel mondo e in sei italiane, ha scelto Milano come prima città italiana per lanciare Bird Two, mettendo in strada oltre 750 veicoli di ultima generazione. La società ha avviato diverse iniziative dedicate alla sostenibilità: consente ai residenti di segnalare eventuali monopattini mal parcheggiati tramite la modalità “Community” e, grazie a squadre attive sul territorio, garantisce che i monopattini vengano guidati e parcheggiati correttamente. Per l’avvio su Milano, inoltre, Bird ha anche introdotto una serie di pacchetti speciali che consentano ai milanesi di utilizzare il bonus mobilità del Governo.

 

 

Lifestyle: I più letti