Riders, un settore da 700 mln da regolarizzare

Economia

di Silvia Monsagrati

rider_ansa

L'inchiesta della procura di Milano ha stabilito che i riders non sono lavoratori autonomi, ma vanno inquadrati come parasubordinati. Una decisione che potrebbe cambiare la vita di 60mila fattorini e rendere sorpassato il contratto nazionale firmato solo 6 mesi fa

Food delivery, un settore in forte crescita

 

Durante i mesi più duri del lockdown erano tra le poche figure che si vedevano in strada: in sella alla loro bici, alle loro spalle i cubi colorati per la consegna del cibo a domicilio. Hanno contribuito a tenere in piedi le finanze di molti ristoratori.

Quello della consegna di cibo a domicilio è un settore in forte crescita (e ancora di più durante la pandemia) che vale oltre 700 milioni di euro (due miliardi e mezzo se si considera anche la spesa e non solo i piatti pronti). E secondo le stime il giro d'affari raggiungerà nel 2021 il miliardo di euro. Secondo Coldiretti se ne servono quasi 4 italiani su 10.

 

La procura di Milano: 60mila riders da stabilizzare

 

Ma l’inchiesta condotta dalla procura di Milano e dai carabinieri del nucleo per l’ispettorato del lavoro, che ha stabilito multe per 733 milioni per le principali società del settore, ha portato alla luce condizioni di lavoro irregolari e ordinato l’assunzione di 60mila lavoratori.

I rider, che oggi sono considerati autonomi, dovranno essere stabilizzati come lavoratori parasubordinati con molte garanzie del lavoro subordinato. Anche perché secondo i Pm l’unica autonomia oggi consiste nello scegliere la fascia oraria in cui lavorare, mentre c’è una costante pressione ad accettare le corse per non essere retrocessi, a essere puntuali e rapidi anche a rischio di fare un incidente pur di fare in fretta. Il tutto per un guadagno mensile che difficilmente supera i 600 euro mensili. 

Poche norme e un contratto nazionale contestato

Assodelivery, che riunisce Deliveroo, Glovo e Uber Eats, sostiene di avere sempre operato nel rispetto delle norme. Ma il problema è proprio che finora le norme erano poche e spesso stabilite dalle sentenze dei tribunali
Tanto che le condizioni di lavoro possono essere molto differenti da una società all'altra 

Fino a settembre scorso la regolazione del lavoro dei riders è stata affidata alle sentenze dei tribunali, poi è arrivato il contratto nazionale (firmato però solo da Assodelivery - esclusa quindi Just Eat per la quale bisogna fare un discorso a parte, e un sindacato, l’UGL, e contestato da Cgil, Cisl e Uil).

In base al contratto il lavoro rimane a cottimo, basato sull’algoritmo che affida le consegne. È prevista una paga oraria con maggiorazioni in determinate condizioni, e l'assicurazione sanitaria. I rider però continuano a essere inquadrati come lavoratori autonomi. Alla luce dell'inchiesta della procura di Milano questo contratto probabilmente andrà riscritto. 

Il caso Just Eat: trasformerà i riders in dipendenti

 

Intanto Just Eat, una delle società sotto inchiesta, ha da tempo annunciato che da quest’anno trasformerà i contratti di lavoro. I suoi riders diventeranno lavoratori dipendenti con contratto di lavoro subordinato, paga oraria di 9 euro all’ora e tutte le tutele di questo tipo di contratti: ferie, malattia, maternità, indennità per lavoro notturno festivi, copertura assicurativa e previdenziale

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.