Superbonus, Intesa Sanpaolo sigla accordo per la cessione di 1,3 miliardi di crediti

Economia
©IPA/Fotogramma

Operazione record tra l’istituto di credito guidato dal ceo Carlo Messina e la società campana Ludoil Energy: l’obiettivo è rendere di nuovo disponibile capienza fiscale per far ripartire il mercato

ascolta articolo

Intesa Sanpaolo si muove sul fronte del Superbonus. La banca guidata dal ceo Carlo Messina ha siglato un accordo con Ludoil Energy, azienda energetica campana attiva nella logistica infrastrutturale e nelle rinnovabili, per la ricessione dei crediti fiscali legati ai bonus edilizi per un valore fiscale pari a 1,3 miliardi di euro. L’operazione riguarderà le somme acquistate dal primo maggio 2022, identificate dal codice univoco introdotto dall'agenzia delle entrate. Si tratta di una vendita record per questo tipo di asset. 

I dettagli

approfondimento

Superbonus 110%, le idee di modifica delle associazioni di categoria

Il contratto punta a riavviare progressivamente il mercato della cessione dei crediti: l'obiettivo della banca è infatti continuare a coinvolgere un cospicuo numero di imprese per ampliare la propria capacità fiscale, che oggi è satura. Come spiega una nota, grazie all’accordo Intesa potrà continuare a dare riscontro ai propri clienti che sono in "attesa di poter cedere i loro crediti, assicurando gli adempimenti normativi e mantenendo l’attenzione nella verifica documentale condotta sinora". 

Le prospettive

approfondimento

Governo, si lavora su Manovra e nodo Superbonus: le ipotesi sul tavolo

Attraverso un sistema di controlli monitorato dal partner Deloitte su una piattaforma online, Intesa Sanpaolo ha acquisito 12 miliardi di euro di crediti fiscali a fronte di domande pervenute per oltre 30 miliardi. "Grazie all'importante accordo con Ludoil Energy continuiamo a dare attuazione al meccanismo di ricessione dei crediti fiscali per il Superbonus e altri bonus edilizi", ha detto Giuseppe Nargi, direttore regionale Campania, Calabria e Sicilia della Banca. Poi ha aggiunto: "È la seconda operazione che finalizziamo nella regione e auspichiamo che seguano presto nuove iniziative con altre imprese del territorio, che possono cogliere un vantaggio fiscale significativo e, al tempo stesso, contribuire a riattivare gli interventi legati ai bonus edilizi". "L'accordo con Intesa Sanpaolo evidenzia l'approccio sistemico che continua ad avere il nostro gruppo, da sempre attento alle tematiche Esg", ha concluso Francesco Guarnera di Ludoil Energy.

Economia: I più letti