Manovra, sindacati spaccati: Cgil e Uil verso scioperi, la Cisl si sfila

Economia
©Ansa

Le sigle si sono riunite separatamente per valutare la legge di Bilancio e decidere come muoversi. Il 7 dicembre sono stati convocati a Palazzo Chigi dal premier Meloni. Al momento Cgil e Uil si preparano alla mobilitazione per chiedere di modificare il testo, giudicato "sbagliato" e iniquo, a partire dal fronte pensioni. La Cisl è più cauta: dice no allo sciopero e punta al dialogo con l’esecutivo per migliorare le misure

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di economia

 

La manovra del governo Meloni divide i sindacati. Le reazioni al testo della legge di Bilancio hanno spaccato le sigle: Cgil e Uil si preparano alla mobilitazione, nessuna forma esclusa, per chiedere di modificare la manovra, giudicata "sbagliata" e iniqua, a partire dal fronte pensioni. Più cauta la Cisl, che invece esprime un giudizio "articolato", dice no allo sciopero e punta più al dialogo e al confronto con il governo per "migliorare" la legge di Bilancio. Il confronto è già stato fissato a Palazzo Chigi dal premier Giorgia Meloni, che ha convocato i sindacati per mercoledì 7 dicembre (GOVERNO MELONI: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE).

Cosa fanno i sindacati?

vedi anche

Manovra, tempi stretti per Parlamento: 20 dicembre in Aula alla Camera

I sindacati riuniscono, separatamente, i propri organismi, per valutare la manovra e decidere come andare avanti per sostenere le richieste di cambiarla e le proposte finora avanzate unitariamente nelle piattaforme su lavoro, fisco e pensioni. Ma le strade sulle forme del pressing rischiano di dividersi di nuovo: già l'anno scorso, Cgil e Uil scesero in piazza il 16 dicembre con uno sciopero di 8 ore contro la manovra del governo Draghi; la Cisl non lo condivise e decise una manifestazione di sabato. Ora si dovrebbe ripetere lo schema ma sul tavolo non c'è uno sciopero generale, né al momento una manifestazione nazionale. Cgil e Uil rilanciano infatti la necessità di avviare un percorso di mobilitazione, valutando tutti gli strumenti. L'ipotesi più probabile per i sindacati guidati da Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri è quella di mettere in campo iniziative a livello regionale o territoriale e di categoria, non escludendo scioperi.

Quando potrebbero essere gli scioperi

leggi anche

Manovra, incontro Meloni-Calenda. Il leader di Azione: "C'è apertura"

Se si procederà con scioperi 'locali' o nelle categorie, la finestra temporale è stretta: tra la necessità di preavviso di almeno 10 giorni e la franchigia prevista nel periodo di Natale, astensioni potrebbero essere fissate nella settimana tra il 12 e il 16 dicembre. Per il sindacato guidato da Luigi Sbarra, pronto comunque a promuovere iniziative e assemblee nei luoghi di lavoro e sui territori, lo sciopero "nelle condizioni date danneggerebbe i lavoratori e infiammerebbe i rapporti sociali". L'attesa è anche per l'incontro di mercoledì prossimo a Palazzo Chigi e per le modifiche che in Parlamento potranno arrivare al testo del disegno di legge di Bilancio.

Il tema pensioni

vedi anche

Manovra, su pensioni si studia modifica Opzione donna: nodo coperture

Fa discutere soprattutto il capitolo pensioni. Ai sindacati, che già chiedevano la riforma per superare la legge Fornero e più flessibilità con l'uscita da 62 anni o con 41 anni di contributi a prescindere dall'età, non piace la stretta su Opzione donna e il taglio sulla rivalutazione delle pensioni, a partire da quelle oltre quattro volte il minimo. In tre anni, le mancate rivalutazioni ammonteranno a 17 miliardi, 3,5 miliardi nel 2023, calcola la Cgil. Contrari alla flat tax al 15% per gli autonomi, estesa fino a 85 mila euro, perché a loro giudizio non risponde ai principi di equità e progressività. E non basta il taglio del cuneo fiscale di 2 punti fino a 35mila euro e di 3 punti fino a 20mila euro: chiedono che venga rafforzato.

Economia: I più letti