Air France-KLM, da Ue via libera a ricapitalizzazione da 4 miliardi di euro

Economia

In arrivo 4 miliardi di aiuti dallo Stato francese. La compagnia aerea dovrà cedere 18 slot all'aeroporto di Parigi Orly. Nel 2019, il gruppo aereo ha registrato un utile operativo annuo di circa 750 milioni di euro. Tuttavia, a seguito delle restrizioni ai viaggi per limitare la diffusione del Coronavirus, Air France e la sua holding hanno subìto importanti perdite 

La Commissione europea ha approvato il piano dello Stato francese per concedere fino a 4 miliardi di euro di aiuti ad Air France, per ricapitalizzare la compagnia aerea piegata dalla pandemia e dal crollo del traffico passeggeri. In cambio l'aviolinea dovrà cedere 18 slot al giorno all'aeroporto di Parigi Orly a un vettore rivale. La ricapitalizzazione di Air France comporta "la conversione del prestito statale di 3 miliardi di euro già concesso dalla Francia in uno strumento di capitale ibrido", nonché un "apporto di capitale da parte dello Stato" attraverso un aumento di capitale "aperto agli azionisti esistenti e al mercato", fino a un limite di 1 miliardo di euro, ha spiegato la Commissione europea in una nota. 

Il ruolo di Air France

“La Francia contribuirà con una somma fino a 4 miliardi di euro per rafforzare il capitale di Air France e aiutare la compagnia aerea ad affrontare le difficoltà finanziarie derivanti dall'epidemia di Covid-19. Allo stesso tempo, il sostegno pubblico verrà fornito con vincoli, in particolare per garantire che lo Stato francese sia sufficientemente remunerato, e ulteriori misure per limitare le distorsioni della concorrenza", spiega la vice presidente esecutiva della Commissione, Margrethe Vestager, responsabile della Concorrenza.

Le perdite a causa del Covid

Nel 2019, il gruppo aereo Air France-KLM ha registrato un utile operativo annuo di circa 750 milioni di euro. Tuttavia, a seguito delle restrizioni ai viaggi introdotte dalla Francia e da molti Paesi di destinazione per limitare la diffusione del Coronavirus (LIVEBLOG - I NUMERI), Air France e la sua holding hanno subito una significativa riduzione delle loro attività, comportando importanti perdite operative. La Commissione ha ritenuto che la misura francese fosse conforme alle regole sugli aiuti di Stato e alle condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, per quanto riguarda le condizioni sulla necessità, adeguatezza e dimensione dell'intervento: l'apporto di capitale non supererà il minimo necessario per garantire la redditività di Air France e della sua holding e non andrà oltre il ripristino delle loro posizioni di capitale rispetto a prima dello scoppio della pandemia.

La ricapitalizzazione 

L'aiuto alla ricapitalizzazione - scrive la Commissione - impedirà un'insolvenza di Air France e della sua holding, che avrebbe gravi conseguenze sull'occupazione francese, la connettività e il commercio estero. Lo Stato francese riceverà una remunerazione adeguata per l'investimento e sono in atto meccanismi aggiuntivi per incentivare Air France e la sua holding a riacquistare la partecipazione dello Stato ottenuta a seguito della ricapitalizzazione. La Francia si è impegnata inoltre a elaborare una strategia di uscita credibile entro 12 mesi dalla concessione dell'aiuto, a meno che l'intervento dello Stato non venga ridotto al di sotto del livello del 25% del capitale proprio entro questa data. Se sei anni dopo aver ricevuto l'aiuto alla ricapitalizzazione, la partecipazione dello Stato nella holding non sarà ridotta in modo significativo in linea con il quadro di riferimento temporaneo, verrà notificato alla Commissione un piano di ristrutturazione di Air France. 

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.