Mobilità elettrica in crescita in Italia: sempre più numerose le colonnine di ricarica

Economia sponsorizzato
SGCOMPANY_20210129_BECHARGE_ENI_CF_PROVINI-089

Sono 19.300 le stazioni di ricarica sparse per tutta la Penisola, in aumento nel 2020 del 39%. Un’espansione trainata dalla diffusione dei veicoli elettrici e dallo sviluppo della rete di infrastrutture. Per agevolare la transizione a una mobilità green le società del settore stringono alleanze strategiche

Continua a crescere in Italia il mercato legato alla mobilità elettrica. Una tendenza confermata anche dai dati sulla diffusione sul territorio nazionale delle colonnine di ricarica per i veicoli elettrici, anch’esse in crescita. A dicembre del 2020 erano 19.324 i punti di ricarica (ogni colonnina prevede normalmente 2 prese di ricarica) in 9.709 infrastrutture accessibili al pubblico: le installazioni sono cresciute mediamente del 39%. Sono le cifre che emergono dalla seconda edizione del report "Le infrastrutture di ricarica pubbliche in Italia", realizzato da Motus-E, l’associazione che riunisce i principali attori del mercato della mobilità elettrica. Motus-E spiega che "la crescita della mobilità elettrica è legata a due fattori, la diffusione dei veicoli elettrici e l'installazione di un'adeguata rete di infrastrutture di ricarica". Per il Segretario generale di Motus-E, Dino Marcozzi, "nonostante la pandemia, il trend nel nostro Paese è positivo ma ci conferma che è sempre più vitale fornire agli automobilisti un’adeguata rete di infrastrutture di ricarica pubblica. Dobbiamo contribuire a sostenere la crescita delle auto elettriche - conclude - con piani infrastrutturali adeguati alle ambizioni agevolandone le procedure di installazione delle stesse".

Verso l’ampliamento della rete delle colonnine di ricarica

leggi anche

DazePlug e DazeBox, la ricarica dell’auto diventa intelligente

Tra gli attori della mobilità elettrica impegnati nella crescita e nell’ampliamento delle infrastrutture di ricarica pubblica c’è anche Be Charge, che sta sviluppando una delle più estese reti di infrastrutture pubbliche italiane per veicoli elettrici. Be Charge ha già installato oltre 4mila punti di ricarica in Italia e con il suo piano di sviluppo conta di installarne circa 30mila sul territorio nazionale nei prossimi 3-5 anni, che erogheranno energia totalmente proveniente da fonti rinnovabili. Non solo nelle grandi città e nelle metropoli ma anche nei centri più piccoli. Un progetto di sviluppo, quello di Be Charge, che potrà contare anche sul sostegno di Illimity, banca ad alto tasso tecnologico, che ha erogato un importante finanziamento a 6 anni destinato all’installazione di colonnine per l’erogazione del servizio di ricarica di veicoli elettrici. Ma il progetto di Be Charge pone le sue basi anche nella comunicazione, con l’azienda che ha lanciato da poco il nuovo sito, il cui fulcro resta la mappa della rete di ricarica, e con la campagna di comunicazione “Storie di carica”, che mette in scena il cambiamento come azione individuale e necessaria attraverso il racconto di storie di persone che hanno trasmesso e diffuso energia coinvolgendo il proprio territorio.

Alleanze strategiche per lo sviluppo della rete di ricarica

leggi anche

Veicoli elettrici, prima stazione di ricarica ultra fast di LeasePlan

Per accelerare il progetto di espansione della rete italiana, Be Charge ha lavorato ad alcune partnership strategiche nel corso di tutto il 2020. L’accordo recentemente siglato con Eni gas e luce prevede l'installazione, su tutto il territorio nazionale, di colonnine di ricarica co-brandizzate ad accesso pubblico per veicoli elettrici, che verranno alimentate con energia verde fornita da Eni gas e luce, certificata tramite garanzie d'origine di provenienza europea, immessa in rete e prodotta da impianti alimentati al 100% da fonti rinnovabili. Da marzo 2021, inoltre, tutti i possessori di auto elettriche in Italia potranno usufruire di uno sconto del 50% sulla prima ricarica effettuata presso una di queste colonnine presenti sul territorio nazionale utilizzando la App di ricarica Be Charge.

Colonnine di ricarica anche nei supermercati italiani

C’è poi il progetto “Shop & Charge” di Be Charge, Fca e Carrefour Italia, che punta ad accelerare la transizione verso una mobilità più sostenibile. Grazie a Shop & Charge chi guida una Fiat 500 Elettrica troverà a sua disposizione fino a 250 colonnine di ricarica – installate a partire da marzo 2021 da Be Charge – nei parcheggi di 135 punti vendita di Carrefour selezionati all’interno del territorio nazionale. Il progetto si integra nel piano di sviluppo di Be Charge, che mira alla creazione di un ecosistema capace di sfruttare le potenzialità offerte dall’elettrificazione della mobilità e dalla digitalizzazione, per creare valore economico, sociale e ambientale per il nostro Paese.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.