DazePlug e DazeBox, la ricarica dell’auto diventa intelligente

NOW

di Daniele Semeraro, inviato ad Almenno San Bartolomeo (BG), con la collaborazione di Eric Cervi

dazebox

Un’azienda giovane e innovativa del Bergamasco ha come obiettivo quello di rivoluzionare e semplificare la ricarica delle auto elettriche. Abbiamo visitato l’azienda, parlato con i dipendenti e provato i loro prodotti

Alle porte di Bergamo c’è un’azienda molto giovane che si pone come obiettivo quello di rivoluzionare e semplificare la ricarica delle auto elettriche. Si chiama DazeTechnology e si distingue per due prodotti molto interessanti. Il primo, già in commercio, lo abbiamo provato personalmente e si chiama DazeBox: si tratta di una wallbox per la casa (quindi una centralina per la ricarica di auto elettriche) che permette di ricaricare l’auto alla massima velocità possibile senza mai far saltare la corrente grazie al sistema Dynamic Power Management integrato. Il secondo è invece il futuro della ricarica elettrica: si chiama DazePlug ed è una sorta di robot che, posizionato a terra in un parcheggio, si collega automaticamente al veicolo quando è parcheggiato, caricandolo automaticamente senza che il guidatore debba toccare o collegare cavi.

DazeBox, la rivoluzione della ricarica a casa

Ricaricare l’auto alla massima potenza rischiando di far saltare la corrente oppure ricaricarla lentamente? È il dilemma dei possessori di un’auto elettrica che però da oggi hanno una soluzione pratica, intelligente, semplice da utilizzare. Si chiama DazeBox ed è una wallbox da installare nel parcheggio di casa, completamente ideata, disegnata e prodotta in Italia che offre un sistema dinamico della gestione dell’energia, in grado di monitorare il carico delle utenze di casa in modo tale da dare all’auto sempre la massima energia possibile senza superare i limiti di consumo e evitando di far saltare la corrente. La notte, ad esempio, l’auto si caricherà alla massima potenza perché ci sono pochi elettrodomestici accesi, ma se accendessimo lavatrice e aspirapolvere si continuerebbe a caricare, solamente in maniera più lenta. Abbiamo provato noi stessi, con l’aiuto di un elettricista, a installare la wallbox e ad utilizzarla per la ricarica elettrica e siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla semplicità di installazione, dalla precisione di utilizzo e anche dal comodo riposizionamento della presa nella base alla fine dell’utilizzo. Tra i pochissimi lati negativi abbiamo riscontrato forse la mancanza di un’app per cellulare o tablet per monitorare i consumi o attivare e disattivare la ricarica a distanza. “DazeBox - ci spiega il co-amministratore delegato di Daze Andrea Daminelli - è nato come il sistema di ricarica che ogni persona dovrebbe avere il casa: un sistema che gestisce l’energia in modo tale da calibrare l’assorbimento per evitare sovraccarichi. Un progetto nato come prototipo che però ha visto poi l’interesse di un nostro partner, una energy utility francese che opera in Italia, che insieme a noi ha industrializzato il prodotto”. DazeBox è in grado di ricaricare fino a 7,4 KW in monofase e fino a 22 KW in trifase; è installabile all’interno e anche all’esterno e sopporta temperature fino a -25 gradi.

Pro e Contro

PRO

  • Riconoscimento dinamico del consumo di corrente istantaneo
  • Installazione semplice e veloce

CONTRO

  • Manca un’app per il controllo a distanza

 

DazePlug
DazePlug

DazePlug, il robot che ricarica l’auto

NOW

Tutti gli articoli della rubrica di innovazione e tecnologia

Il futuro di Daze Technology è però un prodotto rivoluzionario. Stiamo parlando di DazePlug, un sistema di ricarica automatico conduttivo per auto elettriche composto da un sistema a terra (un caricatore) e un sistema installato a bordo dell’auto, sotto il veicolo. L’idea è semplice: invece di arrivare in un parcheggio, uscire dall’auto, prendere il cavo di ricarica e collegarlo alla macchina perché non far sì che il cavo stesso di ricarica, automaticamente, si colleghi all’auto? E così Daze ha sviluppato un sistema per cui si parcheggia l’auto elettrica sopra una piastra di ricarica e questa piastra in automatico, quando rileva l’auto, grazie a un braccio meccanico si collega in maniera immediata e precisa al modulo di ricarica, iniziando dunque la carica alla massima potenza. DazePlug è disegnato per parcheggi privati e commerciali, deve essere semplicemente adagiato in terra e non richiede installazioni particolari. Unico requisito: nella parte inferiore dell’auto deve essere installato un modulo di ricarica al quale DazePlug si collega (un modulo compatibile praticamente con tutte le marche di auto elettriche che si installa in circa 2 ore). Una volta parcheggiata l’auto, DazePlug è in grado di trovare il punto di ricarica e connettersi in circa 16 secondi; al contrario, quando si vuole terminare la sosta, la disconnessione avviene invece in meno tempo, circa 6 secondi. 

La storia e l’idea di DazePlug

“In famiglia nel 2016 avevamo deciso di cambiare auto e passare a una macchina elettrica. Considerato che eravamo ingegneri meccanici abbiamo cercato un sistema di ricarica automatico ma sul mercato non abbiamo trovato niente. Per questo ci siamo detti: facciamolo noi”, spiega orgoglioso Daminelli. “Insieme a Giacomo, l’altro amministratore delegato, ci siamo accorti che la modalità di ricarica wireless non era totalmente affidabile, e allora abbiamo deciso di puntare su un sistema robotico. Un sistema che vedrà il mercato tra circa tre anni grazie a un piano industriale che stiamo portando avanti con uno dei principali produttori italiani di auto della fascia luxury”.

Tra ingegneri energetici e aerospaziali

Nell’azienda che al momento si sviluppa in un edificio su due piani (“ma stiamo crescendo così rapidamente che molto presto dovremo spostarci”, ci raccontano alcuni dipendenti) si respira un’aria frizzante, di grande operatività. Al piano superiore prendono posto una ventina di dipendenti tra cui ingegneri energetici, gestionali, informatici, elettronici, anche un ingegnere aerospaziale, che lavorano alla prototipazione, all'ingegnerizzazione e allo sviluppo dei prodotti. Al piano inferiore in una ordinatissima officina di assemblaggio altri addetti lavorano alla finalizzazione del confezionamento e al controllo, uno ad uno, dei prodotti in partenza, mentre in un angolo una grande stampante 3D lavora alla stampa di prototipi e componenti. Racconta Giacomo Zenoni, l’altro co-amministratore delegato, che Daze Technology nasce come azienda di ricerca e sviluppo e orgoglioso ci spiega che tutta questa fase è sviluppata internamente, così come appunto la parte di assemblaggio e controllo qualità che è una fase molto importante che loro tengono a mantenere internamente. “Il nostro obiettivo - ci racconta - è arrivare sulle auto di serie con il nostro sistema automatico DazePlug entro il 2024. Come azienda - aggiunge - vogliamo diventare il riferimento per la ricarica delle auto elettriche perché crediamo fortemente che la mobilità per essere sostenibile debba essere elettrica, così come i sistemi di ricarica debbano essere semplici”.

 

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.