Istat, a settembre sale fiducia consumatori e imprese

Economia

I due indici sono in risalita da mesi e rappresentano un indicatore affidabile sull’andamento economico del Paese

Continua la lenta risalita dell’economia italiana dopo la crisi dovuta al lockdown imposto dall’emergenza coronavirus (CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO). In particolare, l’Istat ha registrato a settembre il recupero della fiducia di imprese e consumatori che salgono rispettivamente dal 81,4 a 91,1 e da 101 a 103,4. Per le imprese si tratta del quarto mese consecutivo in rialzo, per i consumatori del secondo.

Consumatori, migliorano i giudizi sull'opportunità di acquisti di beni durevoli

leggi anche

Istat, i prezzi delle case continuano a salire nonostante il Covid

Tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori sono stimate in aumento. Il clima economico e il clima futuro registrano l'incremento più marcato passando, rispettivamente, da 90,5 a 94,9 e da 105,6 a 109,5. Anche il clima personale e quello corrente evidenziano una dinamica positiva: il primo sale da 104,9 a 107,1 e il secondo cresce da 98,1 a 100,2. L'Istat evidenzia un'accentuata diminuzione delle aspettative sulla disoccupazione e uno spiccato miglioramento dei giudizi sull'opportunitdià  effettuare acquisti di beni durevoli.

Imprese, più fiducia nel settore manifatturiero

approfondimento

Verso un’economia integrale. La via italiana alla ripresa

Guardando alle imprese, il miglioramento della fiducia è diffuso a tutti i settori seppur con intensità diverse. In particolare, nel settore manifatturiero l'indice sale da 87,1 a 92,1 e nelle costruzioni aumenta da 132,6 a 138,6. Per i servizi di mercato si evidenzia un incremento marcato dell'indice che sale da 75,1 a 88,8 mentre nel commercio al dettaglio la crescita è più contenuta (da 94,3 a 97,4).

Economia: I più letti