Chi sono i maranza, un fenomeno nato su Tik Tok che si diffonde in tutta Italia

Cronaca

Giovani che si muovono in gruppo con lo scopo di importunare turisti, passanti e coetanei per le strade. Un fenomeno sociale che, partito dai social, si sta diffondendo ovunque nel Paese, tra le polemiche di chi li teme e chi li prende in giro

Importunare passanti, turisti e coetanei per le strade delle città. Questo lo scopo dei "maranza", gruppi di ragazzi, sempre più diffusi in tutta Italia, che consumano estorsioni, minacce e aggressioni. Si tratta di un fenomeno sociale nato dai social media, in particolare dalla piattaforma TikTok, che ha iniziato a farsi conoscere all'inizio della scorsa estate. La prima volta che l'Italia ha dato rilevanza alle loro azioni era giugno 2022: una maxi rissa tra migliaia di giovani sulla spiaggia di Castelnuovo del Garda aveva costretto la polizia a intervenire in tenuta antisommossa. I ragazzi si erano dati appuntamento tramite TikTok per quello che doveva essere un raduno di musica trap poi sfociato in una caotica lite.

L'esempio di Riccione

leggi anche

Killa: "Riccione pericolosa come Marsiglia". La sindaca: "Ci diffama"

Durante tutti i mesi estivi i maranza sono diventati sempre più noti e le loro azioni hanno coinvolto diverse aree del Paese. Famoso il caso di Riccione: la città della costa adriatica è stata invasa da questi gruppi di ragazzi che per settimane hanno portato scompiglio importunando cittadini, turisti e prendendo di mira specialmente giovani minorenni. Sono stati tanti anche i personaggi dello spettacolo che, di passaggio da Riccione, hanno criticato il livello di sicurezza località romagnola. Il fenomeno tuttavia non si è fermato. Nonostante gli appelli di cittadini e turisti spaventati, l'opinione dei social si divide in merito ai maranza: da una parte il giudizio negativo di chi vede le azioni di questi gruppi come atti vandalici, dall'altra la presa in giro di chi ironizza sul loro aspetto e loro modi di fare.

Chi sono

leggi anche

Rissa e molestie a Peschiera del Garda, "disagio sottovalutato"

Il termine "maranza" non è una novità. La parola esiste da sempre in quanto parte dello slang giovanile milanese: viene attribuito ai classici ragazzi di strada che vanno in giro in comitive numerose, provengono dalle periferie cittadine e si atteggiano a bulli. Le loro azioni vandaliche hanno lo scopo di creare confusione in modo caotico e volgare. Sono ben identificabili per il loro stile grezzo, "tamarro": capelli arruffati, tuta in acetato di marca (solitamente contraffatta), borsello a tracolla e maglie delle squadre di calcio. Look completato da collane e orologi vistosi. Questo loro stile opinabile porta i maranza a essere presi in giro sui social media ma da bulletti a gruppo di delinquenti il confine è breve.

Cronaca: i più letti