Saman Abbas, al via recupero del corpo a Novellara: seppellita a 2 metri di profondità

Cronaca

I periti avranno due mesi di tempo per recuperare ed esaminare i resti e gli altri reperti emersi dallo scavo in Strada Reatino, inclusa la terra rimossa. Dovranno poi accertare le dinamiche e l'epoca dell'occultamento, le cause e i tempi della morte anche con esami tossicologici e infine se si tratti di Saman

ascolta articolo

Proseguono le operazioni per il recupero dei resti che si ritengano siano di Saman Abbas, scomparsa dal 30 aprile 2021. Il cadavere è in una buca, a una profondità di oltre due metri. Il corpo è stato trovato venerdì in un edificio diroccato non lontano dalla casa dove viveva la famiglia della 18enne pachistana, che sarebbe stata uccisa dai familiari poiché contraria a un matrimonio combinato. 

I periti avranno due mesi di tempo per recuperare ed esaminare i resti e gli altri reperti emersi dallo scavo in Strada Reatino, inclusa la terra rimossa. Dovranno poi accertare le dinamiche e l'epoca dell'occultamento, le cause e i tempi della morte anche con esami tossicologici e infine se si tratti di Saman.

Difensore dello zio: “Ha indicato dov'era il corpo”

approfondimento

Saman Abbas, il fidanzato: “Tanto dolore, spero sia fatta giustizia”

"La collaborazione di Danish c'è stata e lo dice l'atto del verbale di rinvenimento del cadavere, con la sua presenza in loco, messo a disposizione stamattina dalla Procura per noi difensori". L'avvocato Liborio Cataliotti conferma che è stato il suo assistito Danish Hasnain a indicare il luogo dell'occultamento del corpo - che si presume appartenere a Saman - venerdì scorso a Novellara (Reggio Emilia), in un casolare diroccato a circa 700 metri dall'abitazione della famiglia Abbas. "Non ipoteco il futuro processuale del mio assistito e non commenti atti in divenire o non ancora realizzati - continua il nuovo legale che ha incontrato Danish in carcere ieri e lunedì per la prima volta - Quello che posso dire è che effettivamente ha dato il suo apporto. Che ce ne sia uno ulteriore, staremo a vedere il prosieguo”. 

Cronaca: i più letti