Maltempo, trombe d’aria e grandinate al Sud. In Cilento si contano i danni

Cronaca
Ansa/Vigili del Fuoco

Tromba d’aria in Puglia, su un tratto del litorale del Capo di Leuca, e in Calabria su Lamezia Terme e comuni dell'hinterland Lametino. In Campania chiuso un ponte nel Salernitano, mentre nei comuni di Agropoli e Castellabate colpiti ieri da una bomba d’acqua le scuole rimangono chiuse. Violenta grandinata sulle Eolie con allagamenti e fiumi di fango

ascolta articolo

Prosegue l’ondata di maltempo che sta colpendo da ieri le regioni del Sud Italia. In Cilento, dove ieri una bomba d’acqua si è abbattuta in particolare sui comuni di Agropoli e Castellabate,  si contano i danni e le scuole rimarranno chiuse per alcuni giorni. Trombe d’aria nel Salento e in Calabria, una violenta grandinata ha colpito le Eolie (LE PREVISIONI). 

Tromba d'aria in Salento

leggi anche

Meteo, le previsioni di lunedì 21 novembre: perturbazione in arrivo

In Puglia una tromba d'aria ha colpito oggi all'alba un tratto del litorale del Capo di Leuca, tra Punta Ristola e Patù. Il vortice, partito dal mare, è arrivato nell'entroterra portando pioggia e grandine e causando qualche danno ad alcune abitazioni e strutture precarie a Castrignano del Capo e alcuni alberi sono stati divelti dal vento. La zona, a causa di un guasto a una cabina elettrica, è rimasta senza elettricità.

Chiuso un ponte nel Salernitano

leggi anche

Maltempo nel Salernitano, chiuso ponte tra Serre e Altavilla Silentina

Continua a piovere anche in Campania e nel Salernitano questa mattina, è stato chiuso il ponte Calore della Sp 317 che ricade nei comuni di Serre e Altavilla Silentina. Da quanto si apprende dai vigili del fuoco del comando provinciale di Salerno, la chiusura è stata disposta a scopo cautelativo in quanto la pressione idrostatica dell'acqua a seguito dell'ostruzione minaccia la stabilità del ponte.

Frammento caduto da Reggia Capodimonte, proseguono le verifiche 

Proseguono intanto le verifiche su tutti i balconi della Reggia di Capodimonte, a Napoli, dopo la caduta - venerdì, per il maltempo - di un frammento di piperno da un balcone. Il frammento è finito sul prato, in una zona non accessibile al pubblico. Le indagini tecniche proseguiranno anche nella giornata di domani e pertanto il museo, chiuso ieri e oggi, resterà interdetto al pubblico un altro giorno. Riaperto nella giornata di oggi, invece, il Real Bosco di Capodimonte.

Scuole chiuse in Cilento, si contando i danni

Intanto, dopo la bomba d’acqua che ieri si è abbattuta a Sud di Salerno e, in particolare, sui comuni di Agropoli e Castellabate (nella frazione costiera di Santa Maria), in quella zona del Cilento è cominciata la conta dei danni. Il comando vigili del fuoco di Salerno ha richiamato personale in servizio per fornire un rapido supporto alla popolazione colpita, inviando i reparti speciali speleo-alpino-fluviali, soccorritori acquatici e sistemi di pompaggio per ripulire scantinati e cantine. Il lavoro dei caschi rossi è proseguito anche questa mattina per liberare
dall'acqua garage e seminterrati. Ad Agropoli, il sindaco Roberto Mutalipassi ha disposto la chiusura di tutti gli istituti scolastici e gli impianti sportivi fino al prossimo 23 novembre compreso, spiegando che "le procedure ancora in atto per dare risposte ai danni del maltempo e le previsioni meteo per il prossimo martedì, che prospettano piogge abbondanti, rendono necessaria tale decisione, per la sicurezza di tutti". Scuole chiuse anche a Castellabate fino a martedì prossimo compreso.

Tromba d'aria su Lamezia Terme

leggi anche

Bomba d'acqua nel Cilento, il sindaco di Castellabate: "Danni ingenti"

Il maltempo colpisce anche la Calabria, con una tromba d'aria che si è abbattuta intorno alle 12.30 su Lamezia Terme e comuni dell'hinterland Lametino, provocando disagi alla circolazione dei mezzi e notevoli danni che hanno richiesto l'intervento dei Vigili del fuoco del Comando di Catanzaro, distaccamento di Lamezia Terme, sede centrale, e distaccamento volontari di Taverna insieme a squadre di Soverato e volontari di Martirano e Girifalco. Le squadre intervenute sono state mobilitate da tutta la provincia per poter far fronte alle richieste di intervento che già intorno alle ore 13.30, a poco meno di un'ora dalla tromba d’aria, avevano superato le trenta segnalazioni, a causa di allagamenti, piccoli smottamenti, alberi divelti, tetti di palazzi scoperchiati che, in alcuni casi, sono finiti su auto parcheggiata sotto le abitazioni. Al momento, non risultano feriti.

Violenta grandinata sulle Eolie

leggi anche

Maltempo in Sicilia, violenta grandinata sulle Eolie

Una violenta grandinata, durata circa una quindicina di minuti, ha colpito stamattina le isole Eolie. Alla grandinata ha fatto seguito una pioggia torrenziale che, in molte zone ha trasformato le strade in torrenti in piena, rendendo difficoltosa la circolazione anche per via di pietre e detriti che si sono depositati sulla sede stradale. Allagamenti, specie a Lipari, nelle abitazioni e nelle attività che sorgono a livello della strada. A Stromboli, dalla montagna "nuda" di vegetazione, è venuto giù un fiume di fango, anche se in misura meno consistente rispetto al passato. Difficoltà anche nei collegamenti marittimi: al momento sono isolate Alicudi, Filicudi e il borgo di Ginostra.

Albero cade e trancia i fili elettrici della cartiera di Fabriano 

leggi anche

Maltempo Campania, cade frammento: Capodimonte chiude

Ancora maltempo anche nelle Marche, dove alcuni fili di tralicci della corrente elettrica sono stati tranciati a causa della caduta di un albero in località Rocchetta Bassa di Fabriano per il maltempo, in particolare la pioggia battente, che ha imperversato nel comprensorio ieri, causando un'interruzione nell'erogazione dell'energia elettrica. Da ciò è derivato uno stop produttivo nel vicino stabilimento del Gruppo Fedrigoni, ex Cartiere Miliani, a causa del danno alla linea elettrica privata delle cartiere. Per il sito si apre la cassa integrazione ma è probabile, secondo i sindacati, che il tutto possa essere risolto entro pochi giorni. Domani si terrà un incontro tra i rappresentanti dei sindacati di categoria e i responsabili del sito produttivo un punto della situazione. Sono 94 i dipendenti a lavoro su due turni, sette giorni su sette e l'ammortizzatore sociale ne dovrebbe coinvolgere una settantina, escluse quindi alcune figure come i portieri, addetti alla manutenzione e una parte di coloro che seguono il magazzino all'interno dello stabilimento.

Cronaca: i più letti