Coronavirus in Italia, il bollettino del 29 settembre: 37.522 nuovi casi, i morti sono 30

Cronaca
©Ansa

I tamponi sono 198.119, compresi i test rapidi. La percentuale di positivi è al 18,9%. Le persone in terapia intensiva sono 141 (+2 rispetto a ieri), quelle nei reparti ordinari 3.849 (+134). Il numero dei positivi dall'inizio della pandemia, compresi morti e guariti, sale a 22.432.803 

ascolta articolo

Nelle ultime 24 ore sono stati 37.522 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia, mentre ieri erano 36.632. I tamponi effettuati sono 198.119 (ieri 198.918). La percentuale di positivi considerando il totale dei tamponi - quindi molecolari più antigenici rapidi - è al 18.9%. Sono 30 i morti, compresi alcuni riconteggi, 2 i posti letto in più occupati in terapia intensiva rispetto a ieri. È questo il quadro che emerge dal bollettino del Ministero della Salute del 29 settembre (AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE). Sul fronte dei ricoveri - dato cruciale in questo momento per comprendere l'andamento della pandemia - i pazienti Covid in terapia intensiva sono in totale 141, con 23 nuovi ingressi, mentre nei reparti ordinari sono 3.849 (+134). L'occupazione degli ospedali continua a essere sotto controllo e i reparti non sono sotto pressione (LA SITUAZIONE IN ITALIA CON MAPPE E INFOGRAFICHE).

Vittime, tamponi e guariti

approfondimento

Covid, risale la curva: i possibili scenari per l'autunno

In Italia, dall'inizio della pandemia, le persone risultate positive al coronavirus, compresi guariti e deceduti, sono 22.432.803. Le vittime in totale sono 177.054, con 30 decessi segnalati nell'ultimo bollettino. Sono invece 472.155 le persone in isolamento domiciliare. I tamponi sono in tutto 246.636.495 - di cui 96.947.738 processati con test molecolare e 149.688.757 con test antigenico rapido -, in aumento di 198.119 rispetto al 28 settembre. Le persone testate sono finora 64.023.888, al netto di quanti tamponi abbiano fatto.

Le note del bollettino

La Regione Friuli Venezia Giulia comunica che il totale dei casi positivi è stato ridotto di 1 a seguito di un test positivo rimosso dopo revisione del caso. La Regione Umbria comunica che 3 dei ricoveri non UTI appartengono ai codici disciplina di Ostetricia & Ginecologia e Pediatria; 33 dei ricoveri non UTI appartengono ad altri codici disciplina di cui 12 in discipline post-acuto, riabilitative ( cod. 60, 28, 56, 75). 

Le vittime

Nel dettaglio, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, per quanto riguarda le vittime se ne registrano:

 

42.534 in Lombardia

15.479 in Veneto

11.216 in Campania

12.085 nel Lazio

18.030 in Emilia-Romagna

12.200 in Sicilia

9.083 in Puglia

13.619 in Piemonte

10.774 in Toscana

4.110 nelle Marche

5.576 in Liguria

3.666 in Abruzzo

3.007 in Calabria

5.431 in Friuli-Venezia Giulia

2.766 in Sardegna

2.122 in Umbria

1.544 nella Provincia autonoma di Bolzano

1.597 nella Provincia autonoma di Trento

985 in Basilicata

679 in Molise

551 in Valle d'Aosta.

Cronaca: i più letti