Ucraina, Olena Zelenska: "Io bersaglio numero 2 dei russi"

Cronaca

La first lady ucraina in un'intervista al Guardian: "Ho la sensazione di trovarmi in una realtà parallela". E sui russi: "Quando vedi i crimini tremendi che hanno compiuto, pensi che forse sono veramente capaci di tutto"

ascolta articolo

Olena Zelenska, la moglie di Volodymyr Zelensky, ha raccontato i primi tre mesi di guerra al quotidiano britannico Guardian, a partire dalla notte del 24 febbraio, quando ha sentito i primi bombardamenti. "Una sensazione surreale - ha detto  - mi sentivo di vivere in una realtà parallela, e ho tenuto uno strano sorriso per tutto il giorno, per non mostrare il panico ai miei figli". La first lady non conosce esattamente quali informazioni di intelligence abbia il marito per affermare che il bersaglio numero uno dei russi è lui, e subito dopo c'è la sua famiglia. Ma sa per certo quali potrebbero essere le conseguenze per il presidente dell'Ucraina se lei finisse insieme con i suoi figli nelle mani di Mosca: "Quando vedi i loro crimini, pensi che forse sono davvero capaci di tutto", ha spiegato, sottolineando che ha cercato "di non pensarci troppo per non diventare paranoica" (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI).

La fuga durante la notte del 24 febbraio

leggi anche

Guerra Ucraina, Olena Zelenska: "Sincera coi miei figli sul conflitto"

"Naturalmente è possibile esercitare pressioni sul presidente attraverso la sua famiglia, e non vorrei che dovesse scegliere tra noi e le sue responsabilità. Quindi, se c'è anche la più piccola possibilità di questo, bisogna eliminarla", ha spiegato al quotidiano inglese. Così quella notte del 24 febbraio, mentre Volodymyr Zelensky non prese neppure in considerazione i suggerimenti dei leader occidentali di lasciare Kiev, lei ha fatto le valigie senza battere ciglio, tra un allarme aereo e l'altro: "Avevo la sensazione di trovarmi in una realtà parallela", ha raccontato. Prima di partire scortata dagli uomini della sicurezza, è riuscita a rivedere il marito. Un abbraccio, ma nessuno spazio per lacrime o sentimentalismi. Solo più tardi, andando indietro con il pensiero, ha capito che avrebbe potuto non rivederlo mai più. Il luogo dove ha trascorso i mesi dal momento dell'invasione russa è top secret, "meno dico, più sono al sicuro", ha ammesso. 

Sugli appelli del marito ai leader internazionali: "Emozionato e genuino"

approfondimento

Ucraina: Draghi, Macron e Scholz a Kiev per vedere Zelensky. FOTO

I figli non l'hanno mai abbandonata: Kyrylo, nove anni, e Oleksandra, di 17, si sono comportati benissimo, ha spiegato sorridendo: "Guardavamo il telegiornale. Sì, avevamo una televisione". Certe sere vedeva le immagini del marito con la maglietta verde militare che teneva discorsi al popolo ucraino e si appellava ai leader internazionali: "Ho capito che per lui era  molto emozionante. Conoscendolo, credo che abbia usato tutte le leve emotive possibili per far passare il messaggio. Ma non si trattava di manipolazione, era genuino, erano i suoi sentimenti". "

"I russi capaci di tutto"

leggi anche

Mosca: "Ucraina con i confini di prima non esiste più"

"Ogni giorno in Ucraina muoiono due bambini a causa dell'aggressione russa", ha denunciato oggi Olena in un discorso online in occasione del decimo anniversario dell'Aspen Institute Central Europe. "Molte persone in questi quasi quattro mesi mi hanno detto che per loro è difficile anche solo leggere le notizie sull'Ucraina. Li capisco molto bene. È difficile per qualsiasi persona normale dotata di empatia scoprire ogni giorno come un missile sia entrato in casa di qualcuno, proprio in una stanza, e abbia ucciso una famiglia. È difficile guardare le foto di città danneggiate, buchi al posto delle finestre, persone negli ospedali ferite dalle mine". Ma questa è l'Ucraina nel 2022. Per colpa dei russi, "capaci di tutto".

Cronaca: i più letti