Suicidio assistito, è morto il 46enne Fabio Ridolfi

Cronaca
©Ansa

L’uomo di Fermignano (Pesaro Urbino) aveva ottenuto il via libera al suicidio medicalmente assistito, ma la procedura si era poi arenata sulle modalità tecniche e sul tipo di farmaco da usare. A quel punto Ridolfi ha scelto la sedazione profonda. L'Associazione Coscioni: "Continueremo a batterci affinché non si ripetano simili ostruzionismi e violazione della volontà dei malati"

ascolta articolo

È morto Fabio Ridolfi, il 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino), che aveva ottenuto l'assenso del Comitato Etico Regione Marche al suicidio medicalmente assistito, fermatosi poi però a causa della mancata indicazione del farmaco. La famiglia Ridolfi "comunica la morte di Fabio, il 46enne di Fermignano (Pesaro-Urbino), che ha scelto la revoca del consenso alla nutrizione e alla idratazione artificiali. Nel pomeriggio aveva avviato la sedazione profonda", ha reso noto l'Associazione Coscioni.

La vicenda

leggi anche

Fine vita, ex deputato La Forgia ha fatto la sedazione profonda

Ridolfi, immobilizzato da 18 anni a letto a causa di una tetraparesi, stava tentando con l'assistenza legale dell'Associazione Luca Coscioni l'accesso al suicidio assistito, possibile in Italia per le persone nelle sue condizioni, come indicato dalla sentenza della Corte costituzionale Antoniani/ Cappato. "Dopo una lunghissima attesa, il 19 maggio scorso aveva ottenuto il via libera dal Comitato etico che aveva verificato la sussistenza dei requisiti ma non aveva indicato le modalità né il farmaco che Fabio avrebbe potuto autosomministrarsi", ricorda l'associazione Luca Coscioni. Così nei giorni scorsi Fabio ha comunicato la sua scelta, "una scelta di ripiego", di ricorrere alla soluzione che avrebbe potuto percorrere senza aspettare il parere mai ricevuto: la sedazione profonda e continua.

L'Associazione Coscioni: "Continueremo a batterci"

approfondimento

Lasciami andare, lo speciale di Sky TG24 sul fine vita in Svizzera

"Fabio Ridolfi è morto senza soffrire, dopo ore di sedazione e non immediatamente come avrebbe voluto", hanno dichiarato Filomena Gallo e Marco Cappato dell'Associazione Luca Coscioni. Da quattro mesi aveva chiesto l'aiuto medico al suicidio, rientrando nelle condizioni previste dalla Corte costituzionale, "ma una serie di incredibili ritardi e di boicottaggi da parte del Servizio sanitario l'hanno portato a scegliere la sedazione profonda e la sospensione dei trattamenti di sostegno vitale in corso". L'associazione Coscioni si unisce "innanzitutto al dolore della famiglia di Fabio. Da domani continueremo a batterci affinché non si ripetano simili ostruzionismi e violazione della volontà dei malati. Continueremo in ogni caso a fornire aiuto diretto alle persone che si rivolgeranno a noi per far valere il loro diritto di decidere sulla propria vita".

Cronaca: i più letti