Ordinanza antiprostituzione del sindaco di Terni: vietato mostrare nudità

Cronaca
©Getty

Sta facendo discutere l'ordinanza del primo cittadino della cittadina umbra, in quota Lega, che considera il "mostrare nudità" tra gli atteggiamenti "diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento". Multe dai 200 ai 500 euro per chi usa segni “di richiamo, di invito e di saluto allusivo”

“Proibito l’abbigliamento ambiguo e indecoroso”. Non usa mezzi termini il sindaco di Terni, Leonardo Latini (eletto in quota Lega) per proibire quei comportamenti che, dice, turbano "il decoro e la vivibilità dei luoghi" cittadini. Tra gli atteggiamenti "diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento" rientra anche "mostrare nudità". 

L'ordinanza

approfondimento

Roma, vicepreside contro minigonne a scuola: “Ai prof cade l’occhio”

L’ordinanza del primo cittadino è valida dal 1 ottobre al 31 gennaio 2022. Giudicare comportamenti non decorosi o se il vestiario delle donne è discinto sarà compito esclusivo delle forze dell’ordine. Multe dai 200 ai 500 euro per chi usa segni “di richiamo, di invito e di saluto allusivo”. Vietato “chiedere informazioni ai soggetti che pongono in essere gli atteggiamenti sopraindicati”. Per chi lo fa al volante, causando problemi alla viabilità, sanzione ulteriore. Alla base dell'ordinanza – spiega il sindaco– c’è “l’aumento della prostituzione in strada e la conseguente insicurezza per i cittadini”. Oltre al desiderio di tutelare il riposo notturno da “urla, schiamazzi, con epiteti verbali nei confronti di tali soggetti da parte di potenziali clienti, rumori di veicoli con brusche frenate e ripartenze, portiere d’auto o ancora contrattazioni ad alta voce delle prestazioni e reiterati alterchi che spesso degenerano in vere e proprie risse“. 

La polemica

Protesta l'opposizione per la quale "come sempre, a rimetterci sono le donne e un ideale di abbigliamento". Secondo Federico Burgo, vice presidente dell'associazione Terni Valley, "si puniscono le donne e la loro libertà di vestirsi, in linea con un ideale di società antica e patriarcale, oltre che paternale". "Roba da Medioevo", tuona il giudice di Cassazione Angelo Socci, che ha lavorato a Terni sui reati di violenza contro le donne.  Stefania Parisi, già assessora alla scuola e all'ambiente del Comune di Terni: "Il degrado di un territorio è tutt'altra cosa e trova in altri fattori le cause. E' imputabile ad una scarsa attenzione della ordinaria amministrazione alla vita della città". 

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24