Terni, Oss rifiuta il vaccino e viene sospesa dal lavoro: il giudice rigetta il ricorso

Cronaca
©LaPresse

Una operatrice socio sanitaria si è appellata contro il provvedimento di sospensione ma il giudice del lavoro lo ha respinto sostenendo che la misura adottata dai datori di lavoro è "adeguata e proporzionata". La donna è addetta all’assistenza anziani

Sospesa dal lavoro e dallo stipendio perché rifiuta di vaccinarsi contro il Covid, fa ricorso contro il provvedimento ma il giudice del lavoro glielo respinge giudicando la misura "adeguata e proporzionata". È successo a Terni, dove un’operatrice socio sanitaria, dipendente della cooperativa sociale Actl New, ha deciso di impugnare la misura dei suoi datori di lavoro (COVID: GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE).

La donna è addetta all’assistenza anziani

approfondimento

Covid, Oms: doppia dose di AstraZeneca meno efficace di mix di vaccini

Da quanto si apprende, la donna, addetta all'assistenza di anziani non autosufficienti, a febbraio ha negato il consenso informato alla somministrazione del vaccino, dicendosi contraria ad un trattamento sanitario - ha sostenuto - ancora di natura sperimentale, senza prima conoscerne effetti e possibili controindicazioni.

Le motivazioni del giudice

A marzo è arrivata la sospensione del datore di lavoro per 24 mesi, provvedimento contro il quale la donna ha presentato un primo ricorso alla Usl competente, che ha confermato l'inidoneità della operatrice, limitando però il termine della sospensione al 31 dicembre 2021 (salvo ulteriori valutazioni in caso di prosecuzione dello stato di emergenza). La donna ha quindi impugnato in via cautelare il provvedimento di sospensione davanti al giudice del lavoro, chiedendo il reintegro immediato alle sue mansioni (o in subordine diverse) e la corresponsione delle mancate retribuzioni. Il giudice ha però confermato la legittimità del provvedimento assunto dall'Actl Ne, affermando che il dipendente deve "osservare - si legge nell'ordinanza - precisi doveri di cura e sicurezza per la tutela dell'integrità psico-fisica propria e di tutti i soggetti terzi con cui entra in contatto". È "imposto", inoltre ,al lavoratore "l'obbligo di prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni od omissioni", nonché quello "di osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro". Sempre per il giudice è quindi da "ritenere prevalente, sulla libertà di chi non intenda sottoporsi a vaccinazione contro il Covid-19, il diritto alla salute dei soggetti fragili che entrano in contatto con gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario, in quanto bisognosi di cure, e, più in generale, il diritto alla salute della collettività". 

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24