Incidente funivia, Mattarella: "Profondo dolore". Draghi: "Cordoglio di tutto il governo"

Cronaca
©Ansa

Il presidente della Repubblica, in una nota, richiama "al rigoroso rispetto di ogni norma di sicurezza per tutte le condizioni che riguardano i trasporti delle persone". Il presidente del Consiglio rivolge un "pensiero particolare ai bimbi rimasti gravemente feriti e ai loro familiari". Il ministro delle Infrastrutture Giovannini ha già avviato "le procedure per istituire una commissione su quanto accaduto"

"Il tragico incidente alla funivia Stresa-Mottarone suscita profondo dolore per le vittime e grande apprensione per quanti stanno lottando in queste ore per la vita. Esprimo alle famiglie colpite e alle comunità in lutto la partecipazione di tutta l'Italia". Così, in una nota, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che aggiunge: "A questi sentimenti si affianca il richiamo al rigoroso rispetto di ogni norma di sicurezza per tutte le condizioni che riguardano i trasporti delle persone" (LE FOTO DELLA TRAGEDIA - LA PRECEDENTE MANUTENZIONE - GLI INCIDENTI PASSATI).

Draghi: "Cordoglio di tutto il governo"

leggi anche

Precipita cabina funivia Stresa-Mottarone: 14 vittime fra cui 2 bimbi

Cordoglio anche del presidente del Consiglio Mario Draghi: "Ho appreso con profondo dolore la notizia del tragico incidente della funivia Stresa-Mottarone. Esprimo il cordoglio di tutto il Governo alle famiglie delle vittime, con un pensiero particolare rivolto ai bimbi rimasti gravemente feriti e ai loro familiari". Il premier, si legge in una nota, "sta seguendo gli aggiornamenti sulla vicenda in costante contatto con il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, la Protezione civile e le autorità locali".

Giovannini: "Avviate procedure per commissione"

leggi anche

Funivia precipitata, istituita commissione ispettiva per cause

Giovannini, al Tg1, ha spiegato che "il ministero ha già avviato le procedure per istituire una commissione su quanto accaduto e ha già avviato le verifiche sui controlli che sono stati svolti nel passato sull'impianto". Nella mattinata di domani, il ministro delle Infrastrutture sarà a Stresa insieme al capo dipartimento della Protezione civile "per incontrare il prefetto e le altre autorità, così da acquisire ulteriori informazioni su quanto accaduto e decidere il da farsi". Giovannini ha aggiunto che "la sicurezza degli utenti deve essere la priorità numero uno per chi gestisce impianti di questa natura, ed è intenzione del governo" investire "in questo settore campo più di quanto fatto nel passato, anche grazie ai fondi europei del Pnrr" (Piano nazionale di ripresa e resilienza).

Di Maio: "Dolore e preoccupazione"

leggi anche

Funivia Stresa-Mottarone era stata chiusa per manutenzione nel 2014

Partecipa al cordoglio anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: "Dolore e preoccupazione per il tragico incidente alla funivia Stresa-Mottarone, in Piemonte. Un pensiero commosso alle famiglie delle vittime. Seguiamo con grande apprensione gli sviluppi, soprattutto sulle condizioni dei bimbi gravemente feriti", scrive su Twitter. L'ex premier Giuseppe Conte, sui social, parla di "tragedia inaccettabile" e rivolge il pensiero "ai bambini coinvolti, alle vittime e alle loro famiglie".

Fico: "Colpo al cuore". Casellati: "Strazio"

vedi anche

Funivia precipitata tra Stresa e Mottarone, le foto dell’incidente

"La tragedia della funivia del Mottarone è un colpo al cuore, un dramma terribile. La mia vicinanza ai familiari delle vittime e l'augurio ai feriti di una pronta guarigione", scrive su Twitter il presidente della Camera Roberto Fico. La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati spiega che "oggi è un giorno di dolore per l'intero Paese. La tragedia della funivia sul Mottarone strazia il cuore di tutti gli italiani. Esprimo il mio cordoglio per le povere vittime innocenti e tutta la mia vicinanza alle famiglie colpite da questo terribile dramma. Un pensiero commosso ai bambini che lottano per la vita, l'Italia è al loro fianco con speranza. Alle squadre del Soccorso alpino e speleologico che stanno lavorando insieme ai vigili del fuoco e ai carabinieri va un doveroso ringraziamento".

Cirio in lacrime: "Siamo distrutti"

"Doveva essere la domenica della ripartenza, eravamo pieni di speranze. Guardavamo alla zona bianca, all'estate e al sorriso. Adesso quel sorriso non c'è più. Siamo distrutti...", ha detto fra le lacrime il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, lasciando il Mottarone. "Sono un papà. E quando vedi che mettono in una bara il corpo di una mamma con il suo bambino...".

Le reazioni dall'Europa

approfondimento

Dal Cermis alla funivia Stresa-Mottarone: gli incidenti più gravi

"Porgo le mie più sentite condoglianze a tutte le famiglie e gli amici che hanno perso una persona cara nel tragico incidente di funivia a Stresa vicino al Lago Maggiore", ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Il commissario Ue all'economia Paolo Gentiloni: "La tragedia della funivia di Stresa porta il lutto in una domenica che doveva essere di speranza. Penso al dolore infinito delle famiglie delle vittime di questo assurdo incidente". Cordoglio anche da parte del presidente del Parlamento europeo David Sassoli: "In questo momento di dolore, mi stringo alle famiglie e agli amici delle vittime del tragico incidente della funivia Stresa-Mottarone. Il mio pensiero e quello dell'Europarlamento è con voi". E aggiunge: "Sia fatta subito chiarezza sulle cause di questa assurda tragedia".

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24