Mafia, processo al clan di Foggia: 25 condanne fino a 18 anni

Cronaca

Stando alle indagini della Dda di Bari, gli imputati avrebbero taglieggiato dal 2015 a 2018 quindici tra imprenditori e commercianti, minacciandoli di ucciderli o danneggiare le loro aziende con esplosioni. Il governatore della Puglia Emiliano: "Foggia combatte e non si arrende"

Al termine del processo celebrato con rito abbreviato, il gup del tribunale di Bari Giovanni Anglana ha condannato fino a 18 anni di reclusione 25 persone ritenute affiliate alla mafia foggiana, accusate a vario titolo di associazione mafiosa, estorsioni e rapine aggravate, detenzione illegale di armi e tentato omicidio. Risarciti come parti civili un imprenditore vittima di estorsioni (finito sotto scorta dopo aver denunciato), la Regione Puglia e Confindustria Puglia, il Comune di Foggia e Confindustria Foggia, Fondazione Antiracket Puglia e l'associazione Giovanni Panunzio di Foggia.

La vicenda

leggi anche

Mafia, arrestato un boss latitante a Messina: era ricercato da un anno

Alla lettura del dispositivo nell'aula bunker di Bitonto erano presenti anche i pm della Direzione distrettuale antimafia che hanno coordinato le indagini, Lidia Giorgio e Federico Perrone Capano, l'aggiunto Francesco Giannella e il procuratore facente funzione Roberto Rossi. Stando alle indagini della Dda di Bari, gli imputati avrebbero taglieggiato dal 2015 a 2018 quindici tra imprenditori e commercianti di Foggia, costringendoli a pagare un pizzo che variava dai 50 euro a funerale per una ditta di onoranze funebri, ai 500 euro a settimana per una discoteca, all'assunzione di persone vicine al clan in una Rssa. Secondo gli inquirenti, gli imputati - attraverso armi e aggressioni fisiche - avrebbero minacciato le vittime di morte o di danneggiare le loro aziende con esplosioni.

Il governatore Emiliano: "Foggia combatte e non si arrende"

leggi anche

Droga a Catania, sgominate 12 “piazze di spaccio”: 101 indagati

Dopo la sentenza è arrivato il commento del presidente della Regione della Puglia Michele Emiliano: "Foggia combatte e non si arrende. La comunità foggiana è oggi rappresentativa di tutta la Puglia che non cederà mai alla mafia, alla sopraffazione, alla violenza, all'illegalità. La Regione Puglia è al fianco dei cittadini, dei magistrati, delle forze dell'ordine della provincia di Foggia senza se e senza ma. Oggi ogni pugliese si sente foggiano, in questo giorno della Giustizia e non della vendetta".

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.