Milano, da gennaio vietato fumare alle fermate bus, stadi e parchi

Cronaca

Il Consiglio comunale approva il Regolamento per la qualità dell'aria, che comprende ulteriori restrizioni anche per il fumo: il divieto scatterà nel raggio di 10 metri da altre persone. Interessati anche i cimiteri

Milano estende il divieto di fumo anche a fermate del bus, parchi e stadi dal primo gennaio 2021. ll Consiglio comunale ha approvato il Regolamento per la qualità dell'aria con 25 voti favorevoli, otto contrari, quattro astenuti e due consiglieri che non hanno partecipato al voto. All'interno del documento, tra le altre cose, viene introdotto in città a partire dall'inizio del prossimo anno il divieto di fumare all'aperto, tranne che in luoghi isolati. Saranno interessati dalle nuove restrizioni diversi punti della città, come le fermate dei mezzi pubblici, i parchi, i cimiteri, le strutture sportive, ad esempio gli stadi. Sarà dunque proibito fumare nel raggio di 10 metri da altre persone. I divieti diventeranno ancora più restrittivi dal 1° gennaio 2025: lo stop al fumo sarà esteso a tutte le aree pubbliche all'aperto. (COVID: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO)

approfondimento

Scoperto possibile legame tra fumo e una grave emorragia del cervello

Fra le azioni che sono state definite entra in vigore entro 30 giorni dall'approvazione del regolamento il divieto di installare nuovi impianti a gasolio e biomassa per il riscaldamento degli edifici e, a partire dal 1  ottobre 2022, sarà vietato utilizzare gasolio anche negli impianti di riscaldamento già esistenti. Viene regolamentato l'utilizzo di legna per alimentare i forni delle pizzerie che a partire dal 1  ottobre 2023 dovrà essere di "classe A1": per una verifica sulla qualità ambientale dei forni a legna presenti nelle pizzerie milanesi viene anche avviato un censimento che sarà effettuato entro il 1  marzo 2021. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali sarà obbligatorio tenere le porte chiuse entro il 1  gennaio 2022. E' prevista una deroga per i negozi che fanno uso delle cosiddette "lame d'aria" non riscaldate elettricamente, con larghezza superiore a quella della porta, con flusso al suolo minore di 2m/sec o che adegueranno le lame d'aria esistenti entro il 1  giugno 2022.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.