Regionali, il candidato presidente del Veneto Arturo Lorenzoni è positivo al coronavirus

Cronaca
©Ansa

"Sto bene, continuerò la campagna elettorale da remoto con incontri in teleconferenza. Cautelativamente devo stare a casa", ha detto. A quanto si apprende, avrebbe una carica virale bassa e qualche linea di febbre. Zaia: "Rinuncio agli spazi televisivi"

Il candidato presidente del Veneto per il centrosinistra Arturo Lorenzoni è positivo al coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - ELEZIONI REGIONALI 2020). "Sto bene, continuerò la campagna elettorale da remoto con incontri in teleconferenza. Cautelativamente devo stare a casa. Come richiesto dalle autorità sanitarie, invito tutte le persone che mi hanno incontrato nell'arco degli ultimi 5 giorni a rivolgersi agli uffici delle rispettive aziende sanitarie per sottoporsi a tampone", ha detto.

Zaia: "Rinuncio agli spazi televisivi"

approfondimento

Elezioni regionali, dal Veneto alla Campania i candidati presidenti

Lorenzoni - risultato positivo al tampone nella mattinata di oggi, 4 settembre - in base agli esami avrebbe una carica virale bassa. Fonti a lui vicine fanno sapere che ha qualche linea di febbre e si sente un po' stanco. "Oltre la campagna elettorale e la politica esiste la vita reale. Per cui esprimo all'uomo Arturo Lorenzoni la mia vicinanza e gli auguri di una pronta guarigione", dice il governatore del Veneto Luca Zaia. "Visto che il piano di sanità pubblica prevede l'isolamento fiduciario della personale positiva e quindi determina una oggettiva impossibilità - continua - mi sembra il minimo annunciare che rinuncio a tutti gli spazi televisivi che la campagna elettorale prevedeva per me".

Gli auguri di pronta guarigione di Zanoni

approfondimento

Elezioni, 15 milioni di mascherine, guanti e gel igienizzante

"Faccio ad Arturo Lorenzoni i miei auguri di pronta guarigione", ha detto Andrea Zanoni, consigliere regionale uscente del Veneto e candidato del Partito Democratico al Consigio regionale alle prossime elezioni del 20 e 21 settembre. "Ero presente anch'io questa mattina a Padova per la conferenza con il segretario Nicola Zingaretti e Lorenzoni, quando ci è stato detto che rinunciava perché aveva la febbre", ha spiegato. "Mi dispiace per quanto gli è accaduto, ma sono certo che presto potrà ritornare tra la gente. Lui continuerà la campagna elettorale da remoto, noi candidati ci metteremo ancora più energia", ha concluso.

Cronaca: i più letti