Migranti, oltre 600 sbarchi a Lampedusa in 24 ore. Si cercano strutture per le quarantene

Cronaca
©Getty

Si tratta di arrivi autonomi senza il soccorso delle navi umanitarie delle Ong. L'hotspot dell'isola è al collasso. Il ministero dell'Interno è alla ricerca di centri dove far trascorrere la quarantena alle persone sbarcate. Intanto è boom di domande di regolarizzazione

Oltre 600 migranti sono arrivati nelle ultime 24 ore a Lampedusa, in sbarchi autonomi senza il soccorso delle navi umanitarie delle Ong, a bordo di una ventina di imbarcazioni. Il Viminale è al lavoro per trovare strutture adeguate per prevenire possibili contagi. Il fermo per la quarantena delle navi Mare Jonio e Ocean Viking e quello amministrativo per la Sea Watch 3 non ha scoraggiato le partenze. Continuano intanto a crescere i numeri della regolarizzazione: sono 93mila le domande giunte al Viminale dall'avvio della procedura, lo scorso 1 giugno. Il termine per l'invio scade il 15 agosto (LO SPECIALE MIGRANTI).

La strategia del Viminale 

vedi anche

Migranti, a 6 anni ritrova la mamma nel Cara di Crotone. VIDEO

Gli sbarchi continuano dal 9 luglio, quando sull'isola siciliana sono arrivate 523 persone con una quindicina di barche. a queste si aggiungono le 153 di oggi su altre sette imbarcazioni. Ad eccezione di un barcone con 267 migranti e di uno con 95, gli altri arrivi si sono registrati a bordo di barchini. L'hotspot di Lampedusa è già al collasso. In un centinaio sono stati trasferiti con il traghetto per Porto Empedocle. L'obiettivo del Viminale è svuotare rapidamente l'isola, ma non è agevole reperire centri dove tenere gli stranieri per la quarantena. Il sindaco dell'isola, Totò Martello, chiede da tempo una nave per ospitare i migranti durante il periodo di isolamento sanitario. Per ora, però, è attiva solo la Moby Zazà a Porto Empedocle, già piena con le persone trasportate dalla Ocean Viking. 

A Lampedusa oltre 8mila sbarchi nel 2020

leggi anche

Grave malore per un migrante, la Polizia gli salva la vita

 

I numeri degli sbarchi nel 2020 hanno così superato quota 8mila, contro i 3mila dello stesso periodo del 2019. Nei primi dieci giorni di luglio gli arrivi sono più di 1.200. L'opposizione va all’attacco: "Governo di complici o di cretini?", chiede polemicamente il leader della Lega Matteo Salvini. Maurizio Gasparri (Fi) parla di “governo della resa all'immigrazione incontrollata. Un Paese esposto al pericolo rinnovato dell'immigrazione clandestina con l'aggiunta dell'emergenza coronavirus, che si potrebbe diffondere attraverso questi sbarchi".

Sempre di più le domande di regolarizzazione

vedi anche

Migranti, la Ocean Viking arriva a Porto Empedocle. FOTO

Continuano ad arrivare, intanto, le domande per la regolarizzazione dei lavoratori: ad oggi 11.697 per lavoro subordinato e 81.674 per lavoro domestico. Sono 11.021 le istanze in corso di ultimazione. Altre 4.386 arrivano dal canale gestito dalle Poste. L'invio è possibile fino al 15 agosto. Secondo il viceministro dell'Interno, Matteo Mauri, "bisogna continuare sul percorso intrapreso e serve il protagonismo delle realtà che operano in prima fila nei settori coinvolti. Questo è essenziale non solo per fornire le informazioni e agevolare il processo di emersione, ma anche per prevenire le truffe e i tentativi di sfruttamento da parte di soggetti che chiedono denaro in cambio della regolarizzazione". A breve una nuova circolare del Viminale chiarirà alcuni punti della procedura.

Cronaca: i più letti