Scuola, rottura tra sindacati e ministra: "Sciopero il 17 marzo"

Cronaca

E' quanto hanno deciso oggi i sindacati scuola nella riunione delle segreterie unitarie. Lo sciopero del 17 marzo sarà il primo atto di una serie di iniziative di protesta "che si svilupperanno su un arco di tempo lungo"

Le cinque sigle della scuola Flc Cgil, Cisl, Uil, Snals Confsal e Gilda contestano la ministra Lucia Azzolina, titolare dell'Istruzione del governo Pd-Cinque Stelle sul tema dei concorsi e proclamano uno sciopero degli insegnanti precari il prossimo 17 marzo. I sindacati chiedono per i prossimi concorsi per docenti prove più semplici e valutazioni più adeguate in base agli anni di insegnamento. I cinque sindacati della scuola nella riunione delle "segreterie unitarie" hanno scritto, firmando insieme: "Sono venute a cadere le ragioni per cui sono state a suo tempo sospese le iniziative di mobilitazione. Il confronto dei giorni scorsi al ministero ha evidenziato una sostanziale indisponibilità al negoziato di questa amministrazione, che ha respinto in larga parte le proposte avanzate dai sindacati sui provvedimenti relativi alle procedure concorsuali. Migliaia di persone attendono risposte concrete e rispettose del loro lavoro".

I punti discussi nella trattativa

La ministra Azzolina, difendendo la linea tenuta nella precedente legislatura dai Cinque Stelle, nei due giorni di trattativa, 29 e 30 gennaio, ha opposto alle richieste di ammorbidimento delle prove due principi: scritti selettivi e scelte basate sul merito, "i concorsi straordinari, in particolare, non potranno essere una sanatoria". I tre prossimi bandi sono: uno straordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado (medie e superiori), un ordinario ancora per medie e superiori, quindi il bando per l'infanzia e la primaria. I punti centrali di rottura della trattativa, che hanno determinato la successiva dichiarazione di sciopero, sono l'assenza - nell'unica prova "salva-precari" - di una banca dati sui testi che potrebbero uscire, ovvero la pre-pubblicazione dei quesiti dello scritto. E' già stato fatto in passato, ma il Miur ha rifiutato la possibilità per il concorso straordinario visto che, in questo caso, non è prevista pre-selezione (presente invece per il bando ordinario).

La posizione della ministra

La distanze sono chiare: la ministra Azzolina cerca di rendere le prove selettive, le organizzazioni sindacati provano a tutelare il maggior numero di docenti precari e la loro esperienza. Il risentimento sui modi dei concorsi - centrale nello scontro - s'inserisce in un quadro che vede il contratto nazionale non rinnovato e, per ora, con simulazioni di aumenti in busta paga basse. La ministra Azzolina considera sufficienti le indicazioni dei sindacati recepite e ha inviato gli atti dei concorsi al Consiglio superiore della Pubblica amministrazione: "Se i concorsi non partono si rischiano ulteriori vuoti all'inizio della prossima stagione scolastica". Lo sciopero del 17 marzo sarà il primo atto di una serie di iniziative di protesta "che si svilupperanno su un arco di tempo lungo". E' possibile che, come accade nella Pasqua del 2019, Giuseppe Conte possa intervenire per convincere i sindacati ad interrompere l'azione.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.