Roma, incidente a Ponte Milvio: auto travolge e uccide due 16enni

Cronaca

Le vittime stavano attraversando Corso Francia mente sulla Capitale stava diluviando. Alla guida dell'auto un 20enne risultato positivo al test di alcol e droga, figlio del regista Paolo Genovese, che ha dichiarato: "Dolore insopportabile, siamo una famiglia distrutta"

Due ragazze di 16 anni, Gaia e Camilla, sono morte la notte scorsa dopo essere state investite nella zona di Ponte Milvio, cuore della movida romana. Le due giovani stavano attraversando Corso Francia, una strada a scorrimento veloce, all'altezza dell'incrocio con la via Flaminia Vecchia e con una rampa di accesso all'Olimpica, in una zona piena di locali. La vettura che le ha investite era guidata da Pietro Genovese, 20 anni, figlio del noto regista Paolo Genovese (ARRESTATO PIETRO GENOVESE: È A I DOMICILIARI - L'ULTIMO SMS DI CAMILLA: "STO TORNANDO").

Fermato un 20enne, positivo al test di alcol e droga 

L'auto era una Renault Koleos. Il giovane è stato trasportato all'Umberto Primo in stato di shock ed è risultato positivo al  test di alcol e droga, "Solo i successivi esiti degli ulteriori esami nei prossimi giorni potranno stabilire parametri, tipologia e livello di sostanze rinvenute", fanno sapere dalla polizia locale di Roma Capitale che sta svolgendo le indagini. Il cellulare del conducente è stato sequestrato. La polizia sta ascoltando anche diversi testimoni per cercare di ricostruire con esattezza la dinamica dell'investimento. Al vaglio anche le immagini delle telecamere di zona. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio stradale. Al momento dell’incidente la strada era bagnata dalla pioggia scesa copiosa sulla Capitale già dalla serata di sabato.

Paolo Genovese: "Famiglia distrutta"

"Il dolore per Gaia e Camilla e per i loro genitori è insopportabile. Siamo una famiglia distrutta, è una tragedia immensa che ci porteremo dentro per sempre" è la dichiarazione all'Ansa del regista Paolo Genovese dopo l'incidente. Intanto, un teste che ha assistito alla scena, ha cercato di ricostruire quello che è successo: "Erano al centro della strada, Gaia si è girata verso Camilla e poi è arrivata quella macchina. C'è stata la frenata fortissima e l'impatto che le ha sbalzate; l'auto e' andata avanti. Poi sono arrivate altre macchine, penso che almeno tre le abbiano colpite".

La madre di Camilla: "Avevamo tanti progetti"

"Avevamo fatto tanti progetti con Camilla. Non è giusto. Non doveva andare cosi'". A dirlo la mamma di Camilla Romagnoli, una delle sedicenni morte investite la scorsa notte a Roma, a chi ha avuto modo di incontrarla dopo l'incidente. Ad andare sul posto nella notte anche il padre e la sorella di Camilla come anche i genitori di Gaia, che era figlia unica. "E' stato il papà, costretto su una sedia a rotelle per un incidente stradale, a riconoscere la figlia", racconta un amico di Gaia. 

Cronaca: i più letti