Marzabotto, Maas: “Non dimentichiamo”. Moavero: “Noi insieme per Ue”

Il ministro degli Affari Esteri, Enzo Moavero Milanesi, e l'omologo tedesco, Heiko Maas, partecipano alla commemorazione del 74esimo anniversario dell'eccidio dei nazisti a Marzabotto (Ansa)
3' di lettura

I due ministri degli Esteri si sono riuniti alla commemorazione dell’eccidio nazifascista, sottolineando l’importanza della memoria e dell’amicizia in un quadro di pace tra i Paesi europei

"Con profondo dolore e grande vergogna mi inchino davanti alle vittime e ai loro familiari". Lo ha detto il ministro degli Esteri della Germania, Heiko Maas, intervenendo alla 74esima commemorazione degli eccidi nazifascisti del 1944 a Marzabotto, in provincia di Bologna. "Non è scontato che un ministro degli Esteri tedesco possa essere qui dove i miei connazionali hanno portato morte", ha aggiunto. Insieme a lui, il collega italiano Enzo Moavero Milanesi, che ha voluto lanciare un messaggio di unità: "Essere qui insieme vuol dire, Italia e Germania insieme, mano nella mano, portare avanti il disegno dell'Unione Europea". Accolti dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, Moavero Milanesi e Maas si sono fermati dinanzi alle lapidi con i volti delle vittime degli eccidi prima di prendere parte alla messa celebrata dall'Arcivescovo di Bologna e deporre una corona al Sacrario ai Caduti. È la prima volta che i ministri degli Esteri dei due Paesi si trovano insieme alla cerimonia.

Moavero Milanesi: “Pace e amicizia doni da conservare”

Parlando delle 770 persone uccise dai tedeschi a Marzabotto, Maas ha detto che “non verranno mai dimenticate”. Il ministro ha poi sottolineato che "è tutt'altro che scontato che dolore e vendetta abbiano ceduto il passo alla pace e all'amicizia: è un dono prezioso che dobbiamo conservare e preservare". Gli ha poi fatto eco il ministro Moavero Milanesi che ha evidenziato "non solo la volontà di ricordare quanto accaduto ma anche di far vedere quanto si è saputo costruire in questi anni" con la nascita "della Comunità Europea e poi la Ue. È stata portata pace, amicizia e collaborazione tra popoli europei: la pace oggi sembra ovvia e scontata - ha concluso - ma non dobbiamo dimenticare che le generazioni che ci hanno preceduto davano per scontato ci potesse essere un conflitto e una guerra".

Maas: “Odio e razzismo non devono prevalere”

Durante il suo intervento, il ministro Moavero Milanesi ha ribadito l’importanza di “non disperdere i valori dell'Ue: manteniamo viva questa costruzione". Un messaggio condiviso dal collega Maas: "Se i populisti predicano nazionalismo, noi vogliamo adoperarci per una maggiore libertà, maggiore rispetto, maggiore amicizia italo-tedesca". “Odio e razzismo non devono mai prevalere nella nostra società - ha proseguito - sono profondamente grato agli italiani, vogliamo lavorare tutti i giorni insieme a voi per preservare questo patrimonio comune, pace, fiducia, partenariato". Il ministro degli Esteri italiano ha poi concluso: "Coltiviamo la memoria non per serbare rancore ma per non dimenticare così da non ricadere nei medesimi errori".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"