Aggressione Niccolò Bettarini, gip: amico l'ha salvato dalla morte

2' di lettura

Convalidati i fermi e la custodia in carcere per i quattro giovani accusati di aver picchiato e accoltellato il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini. Il giudice nell’ordinanza: "Aggressori sapevano di poter produrre conseguenze mortali"

Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura aggredito e accoltellato domenica scorsa all'esterno di una discoteca milanese, è riuscito a salvarsi per "l'intervento di alcuni degli amici" e di uno in particolare. Per questo non è morto a causa della "brutale aggressione”. Sono queste le conclusioni del gip di Milano Stefania Pepe nell'ordinanza di custodia in carcere per i quattro accusati di tentato omicidio. Secondo il gip gli aggressori hanno cercato di uccidere il giovane perché si erano "certamente" prefigurati che "gli atti posti in essere", ossia il pestaggio e soprattutto le coltellate, "avrebbero comunque potuto produrre conseguenze mortali", anche in considerazione della "loro superiorità numerica e della violenza della loro azione". Il giudice parla di "dolo alternativo", ossia del fatto che i fermati avevano previsto la possibilità che il giovane sarebbe potuto morire.

Convalidata la custodia in carcere

Il gip, nell’ordinanza, ha convalidato i fermi e applicato la misura della custodia in carcere per i quattro giovani, tra cui quello che, secondo l'accusa, avrebbe inferto le coltellate e ferito il 19enne. I quattro restano dunque in carcere con l'accusa di tentato omicidio ai danni di Niccolò Bettarini all'esterno della discoteca milanese “Old Fashion”.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"