Giornalista schiaffeggiato a Roma dall'ex ministro Mario Landolfi

3' di lettura

L'aggressione è avvenuta vicino a Montecitorio. Danilo Lupo, inviato di La7, è stato colpito mentre stava realizzando delle interviste sul tema dei vitalizi. Fnsi: "Fatti gravi, non devono più ripetersi". Landolfi: "Mi scuso ma sono stato provocato"

L'inviato del programma televisivo “Non è l'arena” Danilo Lupo è stato aggredito a Roma dall'ex ministro Mario Landolfi, che lo ha colpito con uno schiaffo in pieno volto, nei vicoli nei pressi di Montecitorio. Il video è stato diffuso dal programma. Il giornalista stava realizzando alcune interviste sul tema dei vitalizi ai politici. Stava chiedendo un parere a Landolfi che, sottolinea una nota del programma, "si è mostrato sin da subito visibilmente contrariato. L'ex ministro ha iniziato ad alzare i toni della conversazione per poi sferrare un potente schiaffo colpendo in pieno volto Danilo Lupo. L'aggressione, avvenuta nei vicoli dietro Palazzo Montecitorio, è stata vista da turisti e passanti rimasti sbigottiti dalla scena".

Landolfi: "Mi scuso ma sono stato provocato"

Landolfi è stato ministro delle comunicazioni dall'aprile 2005 al 18 maggio 2006 nel terzo governo Berlusconi. Sul Secolo d'Italia, di cui è redattore, ha fatto sapere che si scuserà, come auspicato anche dalla Federazione nazionale della stampa: "Sto scrivendo una lettera di scuse a Massimo Giletti", dice Landolfi, "è fuori discussione che ho commesso un’azione sbagliata, ma vorrei che venisse messo in rete il video integrale per far comprendere che sono stato sottoposto a una provocazione". "Il giornalista mi ha rincorso per strada e mi ha fatto domande sul tema dei vitalizi, io per un po’ ho risposto nel merito", continua Landolfi, "poi l’ho invitato a salire in ufficio per poter approfondire meglio con lui la questione e avevamo già fissato anche un orario. Lui ha insistito: ‘Perché non le piace parlare per strada?’. Io ho replicato che no, non mi piace parlare per strada e inoltre avevo da fare. Niente, lui continuava a insistere, anche se io l’ho pregato di lasciarmi passare. Dopo ho perso la pazienza e me ne scuso".

Federazione nazionale della stampa: "Landolfi chieda scusa"

Duro il commento di Fnsi: "Fatti gravi come quelli accaduti nei pressi di via Della Scrofa a Roma non devono più ripetersi, a maggior ragione se a rendersi protagonisti di atti così violenti sono colleghi iscritti all'Ordine dei giornalisti". "Fare il proprio lavoro, rivolgere domande, ormai è diventato un mestiere a rischio", continua la nota di Fnsi. "È comunque auspicabile che l'onorevole Landolfi trovi il modo per riparare all'accaduto".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"