Montecitorio, svastica e verso nazista incisi sulla porta di un bagno

1' di lettura

Il simbolo e una frase tratta dal “Panzerlied”, uno dei più conosciuti canti della Wehrmacht, sono apparsi nei bagni della Camera, nei quali accedono i deputati ma anche le scolaresche in visita. L’amministrazione ha già predisposto la rimozione delle scritte

Una svastica e un verso tratto da un canto nazista sono stati incisi sullo stipite della porta di uno dei bagni di Montecitorio. Il simbolo del Reich è accompagnato dalla frase "Es braust unser panzer", ovvero "il nostro carro armato sta già ruggendo”, un verso tratto dal “Panzerlied”, uno dei più conosciuti canti della Wehrmacht, le forze armate della Germania nazista. Alla trovata qualcuno ha voluto replicare aggiungendo poco sotto una frase in italiano: "Ma vai a c…”.

Disposta rimozione immediata delle scritte

Appena scoperte le scritte, è stato avvisato il presidente della Camera Roberto Fico e l'amministrazione ha aperto una verifica, predisponendone la rimozione immediata. Le incisioni sono state fatte sulla porta dei bagni del piano Aula di Montecitorio, quelli comunemente utilizzati dai deputati. Nel corso della verifica sono state fatte diverse valutazioni su chi avrebbe potuto compiere questo gesto. Il Palazzo è frequentato non solo da deputati, funzionari e giornalisti ma anche dalle scolaresche che vengono regolarmente in visita guidata. Tra le prime reazioni politiche quella del deputato Pd Ivan Scalfarotto che ha parlato di "cose di una gravità assoluta".

Leggi tutto
Prossimo articolo