Blitz fascista, in tanti al presidio di solidarietà con Repubblica

Cronaca

La manifestazione, voluta da Articolo 21 e Nobavaglio, è stata organizzata "per dire no a qualsiasi forma di fascismo e di razzismo" in seguito alla spedizione di alcuni militanti di Forza Nuova contro il quotidiano

"Per dire no a qualsiasi forma di fascismo e di razzismo" in seguito al blitz di alcuni militanti di Forza Nuova, avvenuto la scorsa settimana, è stato organizzato un presidio davanti alla sede di Repubblica e l'Espresso. "#nobavaglio. Stampa libera, stop fascismo, solidarietà a la Repubblica e l'Espresso", si legge su uno striscione fissato all'ingresso della sede del quotidiano, a Roma in via Cristoforo Colombo.

Grande partecipazione

Hanno aderito alla manifestazione numerose associazioni, la Federazione nazionale della stampa italiana, l'ordine dei giornalisti, l'Usigrai, la Rete No bavaglio, Emergency, la Fiom, Cgil Lazio, Uil Lazio, Anpi Roma, e altre realtà come Casetta Rossa, oltre alle rsu del gruppo Repubblica Espresso e i cdr di numerose testate. Il presidio è stato organizzato da Articolo 21 e Nobavaglio. 

Il blitz di Forza Nuova 

Il 6 dicembre, un gruppo di militanti di Forza Nuova si era radunato sotto la sede del quotidiano La Repubblica. A volto coperto e agitando fumogeni, i neofascisti avevano letto un proclama invitando a "boicottare". "La spedizione - aveva sottolineato il giornale - arriva mentre Repubblica porta avanti il suo lavoro di informazione sul diffondersi di episodi di fascismo e intolleranza nel Paese". Sul gesto di intimidazione ha indagato anche la Digos. 

Cronaca: i più letti