Maltempo, nubifragio a Roma. Allerta rossa in Veneto

Cronaca

È arrivata in Italia la perturbazione atlantica prevista, che ha portato forti precipitazioni. Nella capitale diversi disagi sulle strade: rinviata la partita tra Lazio e Udinese. Abbondanti piogge in Liguria e Piemonte, a Milano qualche allagamento. METEO

Il maltempo, come anticipato dalle previsioni dei giorni scorsi, è arrivato nella notte sull’Italia, a partire dalle regioni settentrionali. Piogge abbondanti sono cadute su Liguria e Piemonte, ma anche a Milano e in Veneto, dove permane l'allerta rossa della Protezione Civile. Ma ora la perturbazione si sta spostando verso sud e ha già causato diversi disagi a Roma. Nella Capitale diverse strade sono allagate sia in centro che in periferia, nella zona del Circo Massimo ma anche a Tor di Quinto, a Primavalle e a Ostia. Sulla Via Ardeatina, all'altezza di Tor Carbone a Roma, alcune decine di auto sono rimaste bloccate dall'acqua. Allo stadio Olimpico è stata rinviata per impraticabilità di campo la partita tra Lazio e Udinese.

Nubifragio a Roma, strade allagate. Rinviata Lazio-Udinese

A Roma diverse strade sono rimaste allagate in centro e alla periferia per il violento nubifragio che si sta abbattendo sulla città. Al momento si registrano allagamenti nella zona del Circo Massimo, sulla via Flaminia (dove sono saltati alcuni tombini) e a Ostia. Allo stadio Olimpico è stata rinviata a data da destinarsi la partita di serie A tra Lazio e Udinese, dopo due sopralluoghi dell'arbitro che hanno constatato l'impraticabilità del campo. Sulla Via Ardeatina, all'altezza di Tor Carbone a Roma, alcune decine di auto sono rimaste bloccate dall'acqua. La sede stradale è divenuta impraticabile per le abbondantissime precipitazioni delle ultime ore.

A Ostia tengono i canali

Strade allagate anche a Tor di Quinto, al Nomentano e a Primavalle dove è stata chiusa al traffico via Pietro Bembo. Diversi disagi anche a sud di Roma, nella zona del litorale. Pioggia e grandine hanno causato leggeri disagi alla circolazione con strade allagate, e in alcuni quartieri sono saltati dei tombini. Sembra abbiano tenuto i canali nell'entroterra del X Municipio, quello di Ostia. Al momento non si segnalano particolari danni, con il sole che sta tornando a farsi largo fra le nuvole dense d'acqua. Oggi Ostia è chiamata alle urne per l'elezione del minisindaco, a due anni dal commissariamento per mafia.

La situazione in Liguria e in Piemonte

In Liguria i venti di tramontana e scirocco hanno ridotto gli effetti della perturbazione che aveva portato la Protezione Civile a diramare un’allerta arancione dalle 21 di ieri sera alle 15 di oggi. I temporali hanno scaricato la loro forza soprattutto sul mare, limitando così i danni a Genova e in altre città della costa. In Piemonte le precipitazioni sono state abbondanti, soprattutto nell’Alessandrino dove i temporali hanno causato diversi guasti alle linee elettriche. Piove anche in Veneto, dove resta valida per la giornata di oggi l’allerta rossa sul bacino del Piave pedemontano e arancione sul resto della regione. A Milano la pioggia ha causato l'allagamento di alcune strade nella zona di Niguarda e della Comasina. Rimangono costantemente monitorati i fiumi Seveso e Lambro.

Liguria, i venti salvano Genova dai temporali

In Liguria in 12 ore 300 millimetri di pioggia sono caduti nell'entroterra savonese e genovese. Nella regione i temporali e le precipitazioni non hanno provocato particolari danni grazie ai venti che hanno fatto sì che la perturbazione atlantica scaricasse la sua forza in mare, a circa 10 km al largo dalla costa. I disagi a Genova sono stati ridotti: un sottopasso allagato a Multedo, nel ponente cittadino. Poi piccoli allagamenti di scantinati. Più intenso l’impatto dei temporali nella zona di Ventimiglia, dove c’è stata una tromba d’aria in mare, e nei dintorni di Savona, dove uno smottamento nei pressi di Capo Noli ha provocato la chiusura di un tratto della Via Aurelia. A Celle Ligure ha tenuto in apprensione il torrente Ghiare che ha rischiato di esondare. Il sindaco Renato Zunino ha chiuso per precauzione il centro storico. Resta in ogni caso l'allerta per la giornata di oggi: previsti temporali, precipitazioni abbondanti e raffiche di vento fino a 120-130 chilometri orari.

Piemonte, a Torino torna la pioggia dopo una siccità record

In Piemonte le piogge abbondanti hanno posto fine a una siccità record, con l’assenza di precipitazioni durata tutto il mese di ottobre. Piove su Torino, tra le città più colpite dall’emergenza smog, dove sono caduti 15 millimetri di pioggia. Al momento resta però in vigore lo stop alle auto diesel fino a Euro 4. Più abbondanti le precipitazioni nel resto della regione: in 6 ore i pluviometri di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) hanno misurato 72.8 millimetri a Casaleggio Borio (Alessandria), 66.2 nella città di Ovada (Alessandria), vicina al confine con la Liguria, 53.4 mm a Trivero, nel Biellese. Proprio nei dintorni di Alessandria il maltempo ha causato più disagi: i forti temporali della notte hanno causato numerosi guasti alle linee elettriche, che hanno coinvolto anche l'ospedale "Santi Antonio e Margherita" di Tortona, su cui è caduto un fulmine. Per i vigili del fuoco della provincia è stata una notte di lavoro: i temporali hanno provocato diverse fiammate sui cavi elettrici, secchi a causa del lungo periodo di siccità. Molte le squadre Enel al lavoro per ripristinare i collegamenti. Problemi anche alla circolazione ferroviaria: sulla Alessandria-San Giuseppe di Cairo (Savona) interrotti, tra le 5 e le 8, i collegamenti tra Acqui e Ponti per un guasto alla linea di alimentazione. Cinque treni sono stati cancellati e sostituiti con autobus.

Trentino, si abbassa la quota della neve

La pioggia annunciata è arrivata nella notte anche in Trentino Alto Adige, ma le precipitazioni dovrebbero intensificarsi nel pomeriggio. Il limite della neve, inizialmente oltre i 2.000 metri, dovrebbe scendere nella giornata intorno ai 1.500 metri di quota e localmente anche sotto i 1.000 metri. Non è previsto fino alla notte un drastico calo delle temperature.

Cronaca: i più letti