Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Pedofilia, in piazza con il Papa per le vittime degli abusi

1' di lettura

Oltre 150mila cattolici italiani in piazza San Pietro, per testimoniare la propria solidarietà a Benedetto XVI e pregare per i minori violentati da preti. Il Pontefice al Regina coeli: "Il peccato contagia anche i membri della Chiesa"

E' iniziato in piazza San Pietro il "Papa day", promosso dalla Cnal (Consulta Nazionale delle Aggregazioni Laicali) per esprimere la solidarietà dei cattolici italiani a Benedetto XVI dopo la bufera dello scandalo dei preti pedofili. Oltre 150mila gli appartenenti a movimenti ecclesiali, associazioni e parrocchie, giunti da tutta Italia per reagire alla campagna mediatica degli ultimi mesi contro il Pontefice e pregare per le vittime degli abusi. Hanno voluto partecipare all'evento anche numerosi parlamentari, a partire dal presidente del Senato Renato Schifani. Presenti anche il sindaco di Roma Gianni Alemanno e una delegazione della Regione Lazio, guidata dalla presidente Renata Polverini.

La manifestazione è stata inaugurata alle 11.00 dal cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che ha presieduto un incontro di spiritualità, culminato a mezzogiorno con la partecipazione al discorso di Benedetto XVI e alla recita del Regina Coeli. Hanno particolarmente colpito alcuni passaggi dell'introduzione all'incontro, affidati alla lettura di uno speaker e relativi alla richiesta di "misericordia e perdono per i nostri peccati, di purificazione e forza per tutta la Chiesa". Sono stati anche indicati i motivi della manifestazione: "Convocati dalla fede e dall'amore, ci siamo riuniti perché vogliamo stringerci visibilmente intorno a Papa Benedetto XVI come figli con il padre. Vogliamo pregare con lui e per lui, desiderosi di sostenerlo nel suo impegnativo ministero, esprimendogli il nostro affetto e la nostra gratitudine per la sua passione per Cristo e per l'umanità intera".

Visibilmente compiaciuto per la massiccia adesione all'iniziativa, il Papa ha lanciato un nuovo appello ai sacerdoti nel corso del messaggio, precedente la consueta recita del Regina coeli: "Rinnovo il mio particolare invito ai fratelli nel sacerdozio, affinché nella loro vita e azione si distinguano per una forte testimonianza evangelica". Al termine della preghiera mariana Benedetto XVI ha poi voluto esplicitamente ringraziare il cardinale Bagnasco e i promotori della manifestazione. Ma segni di particolare gratitudine sono stati soprattutto indirizzati alle centinaia di migliaia di fedeli, presenti in piazza: "Cari amici, voi oggi mostrate il grande affetto e la profonda vicinanza della Chiesa e del popolo italiano al Papa e ai vostri sacerdoti, che quotidianamente si prendono cura di voi, perché, nell’impegno di rinnovamento spirituale e morale, possiamo sempre meglio servire la Chiesa, il Popolo di Dio e quanti si rivolgono a noi con fiducia". Con chiaro riferimento all'affaire dei preti pedofili il Pontefice ha poi dichiarato: "Il vero nemico da temere e da combattere è il peccato, il male spirituale, che a volte, purtroppo, contagia anche i membri della Chiesa". Quindi, prima del saluto ai pellegrini francofoni, Benedetto XVI ha voluto ricordare un altro bagno di folla, di cui è stato recentemente testimone: "E' bello vedere oggi questa moltitudine in Piazza San Pietro, come è stato emozionante per me vedere a Fatima l'immensa moltitudine che, alla scuola di Maria, ha pregato per la conversione dei cuori".

Guarda anche:
Pedofilia, Benedetto XVI: "Per la Chiesa è un fatto terrificante"
Pedofilia, nuova bufera su vescovi e cardinali
Benedetto XVI: Chiesa ferita, ma non mi sento solo
Il Papa incontra a Malta 8 vittime di abusi

Leggi tutto
Prossimo articolo