After ice, l'app che simula gli effetti dei cambiamenti climatici

L'app è stata lanciata in occasione della Giornata mondiale della Terra (Getty Images)
2' di lettura

L'applicazione, disponibile per iOs, usa la realtà aumentata per raffigurare il pianeta nel 2080. Quando, secondo la Nasa, il livello del mare salirà di due metri

Immaginare gli effetti che il cambiamento climatico avrà sulla Terra è complicato. Per farlo, potrebbe essere utile la realtà aumentata. After ice è un'app, disponibile per iOs, che prova a proiettare gli utenti nel 2080. In un'epoca (come recita la traduzione del nome) successiva allo scioglimento dei grandi ghiacciai.

 

Come funziona l'app

L'app è poco più di un gioco, pensata in onore della Giornata mondiale della Terra (il 22 aprile). Consente di scattare foto in ambienti, oggi sulla terraferma, che tra 60 anni potrebbero essere sommersi dalle acque. Un modo ludico per apprendere prospettive drammatiche. I dati arrivano infatti dalla Nasa, che prevede un innalzamento di due metri del livello del mare. La causa sta nel riscaldamento globale e nel conseguente scioglimento dei ghiacci. Due metri sembrano pochi? After ice prova a far capire cosa implicherebbero, attraverso dei filtri grafici che simulano il futuro livello del mare. Le immagini pubblicate sull'Apple Store, ad esempio, raffigurano una New York sommersa. In Italia, come testimonia anche uno studio dell'Enea, ci sono 33 aree a rischio. Tra le più esposte ci sono Venezia, il Delta del Po, il Golfo di Taranto e larghe fasce della costa tirrenica, a rischio anche a causa dell'erosione.

 

L'idea di After ice

L'app, sviluppata da Strange flavour e progettata da Secondverse, è nata da un'idea dell'artista Justin Brice Guariglia, che da due anni collabora con la Nasa, soprattutto in Groenlandia, per dare vita a progetti divulgativi come After ice. “L'app – afferma Guariglia - è un modo per aiutare a visualizzare cosa sta succedendo al nostro pianeta, un processo troppo lento per essere osservabile a occhio nudo”. Le trasformazioni legate al riscaldamento globale “sono di una dimensione spaziale e temporale che la nostra evoluzione non è capace di cogliere”. L'arte (e la realtà aumentata) dovrebbe aiutarne la comprensione, anche sotto forma di una tecnologia leggera come un'app. Il messaggio è chiaro: “Se riscaldiamo il pianeta e i ghiacci si sciolgono, noi andiamo sott'acqua”, afferma l'ideatore di After ice. L'aumento delle temperature “è in atto, ma le persone devono essere coinvolte emotivamente per essere più attive” nella protezione della Terra. “Spero – conclude Guariglia – che quest'app possa stimolare la discussione tra gli utenti, in modo da portare questi temi fuori dai laboratori scientifici e nelle mani delle persone”.

Leggi tutto