Addio a Ikutaro Kakehashi, pioniere della musica digitale

Una tastiera Roland (Getty Images)
1' di lettura

Si è spento a 87 anni il fondatore della Roland Corporation e "padre" del sintetizzatore moderno. Nel 2013 fu insignito del Grammy, assieme a Dave Smith, per lo sviluppo del Midi, il linguaggio universale degli strumenti elettronici

È morto all'età di 87 anni Ikutaro Kakehashi, fondatore della Roland Corporation e di fatto "padre" del sintetizzatore moderno, lo strumento che ha trasformato il modo di comporre e riprodurre la musica, dall'elettronica all'hip hop. Nato nel 1930 nella prefettura di Osaka in Giappone, Kakehashi aprì un negozio di elettronica all'età di 24 anni e iniziò a collezionare strumenti musicali dopo la richiesta di riparazione di un organo elettrico da parte della chiesa locale.

 

La storia - Nel 1972 fondò la sua azienda nella città di Hamamatsu, intuendo immediatamente le potenzialità del settore sui mercati esteri e attribuendo alla società - tra i primi in Giappone - un nome che suonasse volutamente straniero e fosse semplice da pronunciare nella lingua madre. Scelse la parola Roland, dopo averla scelta sull'elenco telefonico per la sua facilità di intonazione nella lingua giapponese. Kakehashi decise di specializzarsi da subito nei piani elettronici, che diventarono l'avanguardia dei synthesizers moderni. Il suo contributo è ritenuto fondamentale per lo sviluppo e la popolarità di tali apparati, in grado di generare autonomamente segnali audio sotto il controllo di un sequencer, consentendo agli strumenti musicali di colloquiare tra loro, simultaneamente ai computer e altri dispositivi di diverse aziende costruttrici. Il primo prodotto lanciato dall'azienda fu la 'drum machine'.

 

Il successo - Nel 2013 Kakehashi fu insignito del Grammy Award insieme allo statunitense Dave Smith per lo sviluppo del Midi, standard e interfaccia digitale globale per strumenti musicali, introdotto nel 1983. L'imprenditore giapponese fu un convinto sostenitore di una sinergia naturale tra la musica elettronica e gli strumenti acustici e non considerava l'avvento dei dispositivi digitali una minaccia alle celebri composizioni e al repertorio più illustre del passato. Dopo la vittoria del Grammy, Kakehashi decise di ritirarsi dalle funzioni esecutive alla Roland, fondando la ATV Corporation e assumendo la carica di presidente. In uno degli ultimi seminari a cui partecipò, nel 2012, Kakehashi affermò che l'introduzione dell'elettronica nel settore della musica è servita a sviluppare il numero di opzioni disponibili per gli amanti della melodia, "potenziando la riproduzione delle espressioni musicali".

 

Tastiere per tutti i generi - Kakehashi, secondo i media giapponesi, sarebbe morto sabato primo aprile, ma la famiglia non ha voluto divulgare altri particolari per motivi di privacy. Ha dedicato la sua vita all'intrattenimento e gli strumenti musicali della Roland hanno accompagnato e ancora accompagnano sul palco i musicisti più disparati, da Lady Gaga al musicista jazz Omar Hakim al guru della disco, Giorgio Moroder. Senza tacere dell'impronta inconfondibile che hanno dato a brani famosi come "Sexual Healing" di Marvin Gaye e all'opera di band come Kraftwerk, Beastie Boys, Depeche Mode o New Order.  

Leggi tutto