Il futuro dell'umanità nella mostra Human+. FOTO

Dal 20 maggio al 15 ottobre l'ArtScience Museum di Singapore ospiterà un progetto in cui diversi artisti e scienziati hanno cercato di immaginare la vita umana nei secoli a venire attraverso le loro opere. LA FOTOGALLERY
  • Human+ The Future of Our Species
    Come sarà il futuro dominato da intelligenza artificiale, robot e corpi potenziati? È questa la domanda che si sono posti gli artisti che hanno contribuito alla mostra "Human+ The Future of Our Species". C'è chi, come Agatha Haines, immagina bambini trasformati in culla per risolvere problemi che ancora non sappiamo di dover affrontare (foto: Transfigurations by Agatha Haines) - Il sito dedicato alla mostra
  • Human+ The Future of Our Species
    Della stessa sezione, "Vite al limite", fa parte anche l'opera "Semi-Living Worry Dolls" di Oron Catts and Ionat Zurr. Usando biopolimeri e suture chirurgiche, hanno creato delle riproduzioni delle bambole guatemalteche a cui i bambini sussurrano le proprie preoccupazioni (foto: Close-up of The Semi-Living Worry Dolls di Tissue Culture and Art Project/Oron Catts and Ionat Zurr) - Venezia, le prime immagini della nuova mostra di Damien Hirst
  • Human+ The Future of Our Species
    I biopolimeri vengono pian piano rimpiazzati da cellule viventi, con cui le bambole vengono "nutrite". Non morte ma neppure vive, le "Semi-Living Worry Dolls" sfidano il concetto di vita così come lo conosciamo (foto: The Semi-Living Worry Dolls di Tissue Culture and Art Project/Oron Catts and Ionat Zurr) - La vita di montagna in una mostra fotografica di Steve McCurry
  • Human+ The Future of Our Species
    "Euthanasia Coaster" è il nome attribuito al progetto di una montagna russa del 2010 concepita dall'ingegnere e designer lituano Julijonas Urbonas. L'obiettivo della struttura: provocare la morte dei passeggeri con "eleganza ed euforia" (foto: Euthanasia Coaster di Julijonas Urbonas) - Le dichiarazioni di Urbonas
  • Human+ The Future of Our Species
    Nadine è l'umanoide più realistico al mondo. Realizzato a Singapore, è stata modellata sulla professoressa Nadia Magneant Thalman. Questo robot è pensato per assistere chi è in difficoltà: può anche leggere delle storie (foto: Nadine di Nadia Magneant Thalman) - Londra, apre al Science Museum la mostra "Robots"
  • Human+ The Future of Our Species
    Per la sezione "Incontrando gli altri", Louis-Philippe Demers ha dato la sua versione dei rapporti sociali del futuro. In "Area V5" l'artista di Singapore ha installato una serie di occhi robotici che seguono il visitatore (foto: Area V5 di Louis-Philippe Demers) - Le mostre d'arte a Milano raccontate nella lingua dei segni
  • Human+ The Future of Our Species
    I ritratti di Aimee Mullins celebrano la struttura fisica dell'atleta che ha concorso con le sue fibre in carbonio ai giochi Paralimpici di Atlanta nel 1996, per poi debuttare come modella per Alexander McQueen (foto: Portraits of Aimee Mullins di Howard Schatz) - Robotica e intelligenza artificiale, l'Ue prova a fissare delle regole
  • Human+ The Future of Our Species
    The Cyborg Foundation è stata creata da Moon Ribas e Neil Harbisson, un artista famoso per avere un'antenna piantata nel cranio: un sensore inserito nel dispositivo gli permette di percepire onde sonore e colori. (foto: Seismic Arm e Sonochromatic Head di Cyborg Arts, Neil Harbisson and Moon Ribas) - L'elenco completo delle opere di Human+