Vasco a Modena, successo nella lotta contro il “secondary ticketing”

Vasco Rossi al concerto del 1° luglio al Modena Park (LaPresse)
3' di lettura

Lo comunica il direttore generale della Siae, Gaetano Blandini, secondo cui l'evento al Modena Park ha rappresentato un banco di prova strategico per futuri concerti in Italia e all'estero

Sfida contro il secondary ticketing vinta. Lo ha annunciato la Siae in un comunicato stampa definendo “un successo senza precedenti” la propria attività svolta contro la diffusione di tagliandi falsi o venduti a un prezzo maggiorato, in occasione di “Modena Park”, il maxi concerto per i 40 anni di carriera di Vasco Rossi.

Secondary ticketing ridotto al 5%

Nella nota diffusa il 3 luglio la Società degli autori ha ricordato di essere stata partner tecnico del grande evento musicale e di avere messo in campo tutte le migliori risorse per arginare il fenomeno dei bagarini on-line e sul luogo dell'evento. Il direttore generale Siae, Gaetano Blandini, ha fatto sapere che “grazie ai controlli effettuati a monte sui biglietti venduti, al presidio costante delle biglietterie e a quelli sul territorio, siamo riusciti a limitare – ha scritto Blandini – ed arginare notevolmente la piaga del secondary ticketing, contenendo il fenomeno entro il 5-6 % contro il 20-25% di altri eventi recenti”.

Uno sforzo durato mesi

Vasco è stato uno degli artisti che fin dai casi legati alla rivendita in nero, o a prezzi maggiorati, dei biglietti, si è esposto in prima linea promettendo di far di tutto per arginare il fenomeno. “Per mesi, di concerto con gli organizzatori – ha scritto ancora Blandini - 45 persone del nostro staff hanno lavorato sul territorio e a partire dalla sera del 30 giugno direttamente a Modena, presidiando continuativamente ognuno dei 12 varchi di accesso del pubblico al Modena Park, utilizzando per la prima volta, in via sperimentale, un innovativo sistema di controllo della regolarità dei titoli di accesso”. Il lavoro degli organizzatori, insieme a quello della Siae, ha trovato durante tutte le fasi dell'evento un'intesa con la Guardia di Finanza del comando provinciale di Modena, grazie alla quale, scrive la Siae, è stato possibile individuare i biglietti falsi o contraffatti, che sono stati sequestrati al momento dei controlli dagli stessi finanzieri.

Un grande show seguito in tutta Italia

Blandini ha anche comunicato che per la grande festa musicale del “Komandante” sono stati emessi 225mila biglietti, più i 51mila venduti per i fan che hanno scelto di seguire lo spettacolo dai cinema di tutta Italia. Questi i grandi numeri diVasco, seguitissimo anche in diverse proiezioni gratuite organizzate nelle piazze di tutta la penisola: a Rimini, ad esempio, sono state rilevate da Siae ben 12.045 presenze; a Zocca 975; a Genova 1.053; a Elba 2.500. Inoltre sul territorio sono stati realizzati 13 eventi all’aperto con diretta tv che hanno registrato 3.750 presenze. Un successo di pubblico, insomma, che per la Siae non ha rappresentato solo “l'evento dei record, ma anche – scrive la società - un banco di prova strategico per tutta l'economia degli eventi live nel nostro Paese e non solo”.

Leggi tutto
Prossimo articolo