Felicità zen, Tai Chi possibile rimedio anti-depressione

Il Tai Chi ridurrebbe i sintomi depressivi (Foto: GettyImages)
2' di lettura

Lo suggerisce uno studio del Massachusetts General Hospital condotto su un campione di cinesi-americani 

Aumentano i potenziali effetti benefici del Tai Chi, la tecnica zen di autodifesa nata in Cina ma praticata ormai a tutte le latitudini. Secondo uno studio del Massachusetts General Hospital questa disciplina sarebbe un possibile rimedio contro la depressione. Almeno negli americani di origine cinese.

Meno sintomi senza altri trattamenti

Pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry, lo studio ha sottoposto un gruppo di persone con problemi di depressione della comunità cinese di Boston a un programma di Tai Chi di 12 settimane. I partecipanti all'esperimento parlavano tutti correttamente cantonese o mandarino, non avevano precedenti disturbi mentali, né fatto recente pratica di Tai Chi o uso di altri trattamenti psichiatrici. Divisi in tre gruppi, solo uno ha ricevuto il "trattamento Tai Chi". Questo, rispetto agli altri due gruppi di controllo, ha ottenuto secondo i ricercatori "un miglioramento significativamente maggiore dei sintomi di depressione". Anche in una valutazione ripetuta dopo 24 settimane. Ora, spiegano gli autori dello studio, "vogliamo capire se il Tai Chi può avere simili risultati anche per individui di altre etnie e determinare quale delle tante componenti di questa disciplina possono essere responsabili dei benefici osservati".

Effetti positivi anche sul cuore

Una recente analisi, condotta dall'Università dello Sport di Shanghai, ha inoltre indicato che arti marziali cinesi come il Tai Chi abbasserebbero pressione del sangue, triglicridi e colesterolo, migliorando la salute di persone che soffrono di cuore. Forza, flessibilità ed equilibrio sono le qualità che le arti marziali cinesi potenziano, combinandole insieme ad attività fisica dolce, meditazione, consapevolezza del corpo e attenzione ad una corretta respirazione. Altre ricerche ne avevano confermato i benefici per pazienti con demenza e tumore.

Tai Chi promosso per gli over 50

Un altro studio ha promosso il Tai Chi anche come disciplina per allenare la mente degli over 50, perché legata al rafforzamento delle funzioni cognitive. L'ideale, secondo l'Università di Canberra, per persone non proprio giovanissime che possono avere più difficoltà con altre pratiche sportive.

Leggi tutto